Pensavo che il restauro fosse il massimo ma insegnarlo è molto meglio

La settimana di ferragosto e’ sempre, per me, una settimana particolare. Non faccio mai vacanze in questo periodo. Milano e’ deserta, ci si muove con grande libertà e ne approfitto per acquistare nuove attrezzature, sistemare il laboratorio in vista dei prossimi corsi e riordinare le idee facendo il punto della situazione. Nuove idee e nuovi progetti affollano sempre la mia mente e questo mese è un buon momento per “lavorarci” seguendo i miei ritmi in laboratorio. Penso, ripenso, sperimento, prendo appunti, cancello, mi faccio una mappa mentale. Ogni cosa è pensata e ripensata.

Partito come semplice blog Arte del restauro è diventato negli anni una realtà piuttosto strutturata che riesce ad offrire un servizio di qualità (lo dicono i commenti degli allievi) agli appassionati di restauro e antiquariato. Dai manuali ai corsi dal vivo in laboratorio, dai corsi online ai prodotti per il restauro offro ai miei allievi un valido sostegno nel loro percorso di formazione.

Quando scrivo un nuovo articolo, pubblico un nuovo manuale o registro un corso online la mia domanda è sempre:”Questo articolo/corso/manuale serve davvero? Cosa avrei voluto avere io quando ho iniziato ed ero solo, pieno di dubbi e di incertezze? Questa cosa fa fare un vero passo in avanti ai miei allievi? Migliora la loro vita?” Se la risposta è si vado avanti sennò metto da parte il progetto e passo ad altro.

La cosa che più mi ha stupito in questi anni è essermi reso conto di quanto mi piace insegnare. Pensavo che restaurare fosse il massimo ma insegnarlo è molto meglio. Certo per un “orso” come me ( e tutti noi restauratori un pò orsi lo siamo) all’inzio è stata dura. Io che sognavo di trascorrere la mia vita chiuso in un laboratorio a restaurare mobili mi sono trovato in mezzo a decine e decine di allievi che si avvicinano al mondo del restauro e seguono i miei corsi dal vero o ppure online.

corso-dal-vivo-artedelrestauro.it

Le aspettative degli allievi sono molto diverse così come le finalità. C’è chi non sa niente di restauro e lo fa per “metterci il naso”, chi è a un punto morto della sua carriera e sta cercando alternative, chi lo fa perchè sta andando in pensione, chi semplicemente ama il mobile antico e la cultura che gli ruota intorno. Ed è per questo motivo che spesso seguo volentieri gli allievi in percorsi personalizzati, “cuciti addosso” alle loro esigenze. Poi un ragazzo trova lavoro nel settore restauro, un cinquantenne ritrova la possibilità di lavorare e credere in se stesso, un pensionato si diverte restaurando per amici e parenti. E queste sono le mie soddisfazioni. Ho un unico cruccio: pochi giovani in bottega.

Dal prossimo autunno ci saranno alcune novità: riprende il corso serale a Milano che avevo dovuto interrompere, ci saranno nuovi corsi molto interessanti di restauro e decorazione. Pubblicherò anche un nuovo manuale di restauro a cui sto lavorando proprio in questi giorni. Per me l’anno nuovo inizia a settembre 🙂

Avremo modo di sentirci presto e ti ringrazio per la fiducia che continui a riservarmi seguendo Arte del restauro. Se in questi giorni di vacanza hai tempo e voglia di leggere ti propongo i 5 articoli più letti di quest’anno:

Qui puoi trovare i miei manuali e corsi in DVD e qui i miei corsi online. Se vorrai venirmi a trovare in laboratorio a MIlano, sarai sempre ospite gradito. Qui trovi le date e i programmi dei corsi dal vivo.

Buon ferragosto!

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.