Stucco di cera: come farlo e come usarlo

Lo stucco di cera o stucco a cera è uno degli stucchi naturali che usiamo nel restauro del mobile antico. Oltre allo stucco di cera infatti usiamo lo stucco di gesso e lo stucco di legno. Questo stucco lo usiamo quando dobbiamo fare stuccature o piccole ricostruzioni su mobili che sono in patina. Significa che sono stuccature che facciamo su mobili già lucidati oppure che non sono mai stati sverniciati e rilucidati. Questo stucco è molto comodo e di facile utilizzo. Esistono in commercio barrette di stucco di cera già pronte oppure prepariamo da noi lo stucco di cera in modo facile e divertente.

Perchè prepariamo noi lo stucco di cera

Le barrette che si trovano in commercio hanno un difetto: contengono troppa paraffina. Come sai la paraffina è una cera sintetica (derivata dal petrolio) che costa poco e pesa molto. Spesso viene usata per adulterare prodotti a base di cere a scapito di cere più costose come la cera d’api e la cera canauba. Le barrette che contengono paraffina sono opache e poco dure. Prepariamo noi le barrette di cera per avere un prodotto di grande qualità e del colore desiderato.

stucco di cera lorenzo garutiGli ingredienti

Prepariamo lo stucco di cera con pochi ingredienti naturali. Cera d’api, cera carnauba e terre colorate, le stesse che usiamo per colorare lo stucco di gesso. Io insisto sempre con i miei allievi del corsi dal vivo e dell’Accademia del restauro di preparare da sè i prodotti che ci servono nel restauro. le ricette le trovi tutte nel Prontuario del restauratore. Conoscere la qualità dei materiali usati migliora la nostra esperienza sui prodotti. Se sappiamo fare uno stucco sarà molto più facile per noi riconoscere stucchi di qualità o stucchi industriali di scarso valore. Questo vale per tutti i prodotti che usiamo nel restauro: stucchi, colori, vernici.

Come si prepara

Lo stucco di cera lo prepariamo sul fornello elettrico. In laboratorio il fornello elettrico ci serve per un sacco di cose: sciogliere e tenere al caldo e la colla animale, preparare l’encaustico e preparare il gesso per la doratura. Non usare mai il fornello a gas in quanto la cera è facilmente infiammabile. La ricetta base per un buon stucco a cera è di 50 grammi di cera d’api con 10 grammi di cera carnauba e le terre per colorare. Le terre che uso io sono un giallo, un rosso, un bruno chiaro e un bruno scuro. Sciogli prima la cera carnauba e poi la cera d’api in un pentolino d’acciaio.

stucco di ceraCome si colora

Dopo aver sciolto le cere nel pentolino sul fornello elettrico aggiungi le terre. Parti dai colori chiari. Aggiungi il giallo e fai una barretta gialla, aggiungi un poco di rosso e fai un colore ciliegio. Per fare le barrette usi delle formine fatte con i fogli di alluminio da cucina oppure ti procuri delle formine di silicone. Continui aggiungendo terre nella cera sul fornello e fai barrette sempre più scure. Alla fine di questo lavoro avrai una vera e propria tavolozza di barrette colorate di stucco di cera che potrai usare per stuccare il tuo mobile in patina. Coem vedi nella prima foto in alto.

Come si usa lo stucco di cera

Stai recuperando un mobile in patina oppure hai terminato di lucidare un mobile e ti accorgi di dover stuccare alcuni fori di tarlo o una piccola fessura che sono rimasti aperti. E’ il momento ideale per usare lo stucco di cera. Scegli il colore adatto tra le tue barrette e sciogli lo stucco direttamente sulla parte da stuccare. Con una spatolina fai penetrare lo stucco e togli gli eccessi. Lasci raffreddare, passi uno straccio di cotone e dai brillantezza con una vecchia calza di Nylon. In questo modo puoi non solo stuccare piccoli fori ma integrare piccole lacune negli intarsi dei mobili in patina.

stucco di cera

Non perdere tempo nei brico o nei colorifici e non buttare soldi comprando prodotti che non funzionano e che non ti fanno raggiungere il risultato desiderato.Questi prodotti vanno benissimo anche per chi, come te, restaura solo per hobby e passione.

Trovi tutte le ricette e i trucchi su come usare i prodotti per restauro nei miei manuali e DVD. Arte del restauro ti offre tutta la formazione che ti serve sia con i corsi dal vivo che con i corsi online. Le prime due immagini di questo articolo sono la tavolozza di stucchi di cera di Lorenzo Garuti, bravo restauratore di Sasso Marconi, Bologna. Qui vedi il suo sito e i suoi lavori.

Il Maestro Carlo Ferrari

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.