Come chiudere i fori del tarlo

In questo articolo vi parlerò su come chiudere i fori del tarlo con la domanda che uno dei miei allievi mi ha fatto recente.

Bruno mi chiede:

<<devo sistemare un vecchio mobile con fori di tarlo abbastanza grossi, ho pensato dopo l’antitarlo di chiudere i fori con schegge di legno o stuzzicadenti bagnati di colla e infilati nei fori, può andare bene?>>

Ciao Bruno,

ti spiegherò come chiudere i fori del tarlo: dopo aver fatto un corretto trattamento antitarlo usando un prodotto antitarlo a base di Permetrina e seguendo passo dopo passo il mio manuale Antitarlo fai da te puoi chiudere i fori del tarlo in due modi diversi.

Se hai sverniciato il mobile e lo devi rilucidare chiudi i fori del tarlo con stucco di gesso. Ti ricordo che lo stucco di gesso lo devi colorare con le terre fino a renderlo dello stesso colore del legno. Poi carteggi dai il colore e lucidi.

Se invece fai il trattamento antitarlo senza sverniciare il mobile puoi chiudere i fori del tarlo con dello stucco di cera. Chiudere i fori del tarlo con lo stucco di cera ti consente di fare un ottimo lavoro senza rovinare la lucidatura e la patina del mobile.

Trovi tutti i passi per fare un ottimo trattamento antitarlo sul mio manuale Antitarlo fai da te!***

 

E tu hai già trattato con l’antitarlo i tuoi mobili? Cosa hai usato per farlo? Che tipo di difficoltà hai incontrato?  Lascia un commento qui sotto:

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.