Come colorare dopo la sverniciatura

Antonia mi chiede:

<< …questi comodini erano dei nonni di mio marito e vorrei provare a restaurarli ma ho paura di sbagliare. Dietro suo consiglio ho sverniciato i mobili e ho ripassato, sempre sverniciando, le fiancate dei miei comodini e il colore adesso mi sembra più uniforme. Siccome non li vorrei troppo scuri mi chiedevo se potevo dare la gommalacca senza passare il colore dopo la sverniciatura. Senza coloritura mi risalterà troppo il giallognolo della gommalacca?>>

Ciao Antonia,

come colorare dopo la sverniciatura: diamo il colore al mobile per molte ragioni ma soprattutto per ridare il colore caldo, tipico dei mobili antichi, che con la sverniciatura abbiamo tolto. Come sai con la sverniciatura, che nel tuo caso era necessario fare, andiamo a togliere le vecchie vernici ossidate e intacchiamo la patina del mobile. Come dici giustamente tu senza dare il colore il mobile risulterebbe troppo «giallo» e freddo. Il mio consiglio è di passare del mordente noce molto diluito. Otterrai così un mobile non troppo scuro ma con un tono di colore caldo, tipico del mobile antico.

Ma vediamo insieme la video-risposta su come colorare dopo la sverniciatura:

Rispondo alla domanda di Antonia  per spiegare perché coloriamo il mobile, quali coloranti usare: coloranti naturali come i mordenti o coloranti di sintesi come le aniline. Vediamo insieme quali usare e perché.

Come colorare dopo la svericiatura ?

Coloriamo il mobile per cercare di dare al mobile stesso quel sapore caldo vissuto, quella dominante rossa che è proprio tipica del mobile in patina, del mobile che non è mai stato sverniciato. Per fare questo usiamo dei coloranti, in specifico il colorante che usiamo è un mordente, è un colorante all’acqua e sul mio nuovo corso Restaurare è facile trovi la ricetta per prepararlo in modo molto semplice. Io ti faccio prepararlo a una certa concentrazione che corrisponderà al colore di un mobile di una certa epoca per cui quando prepariamo il mordente all’acqua prepariamo una diluizione con cui otteniamo un colore piuttosto scuro che corrisponde ai mobili in patina del 700. Ma trattandosi di un colorante all’acqua noi lo possiamo diluire fino ad ottenere il colore da noi desiderato.

Quando abbiamo fatto delle prove ed ottenuto il colore che desideriamo passiamo alla coloritura come ti mostro passo dopo passo nel corso Restaurare è facile.   Per colorare i mobili possiamo usare sia coloranti naturali che coloranti sintetici. Non sempre usiamo il coloranti sintetici in quanto possono creare qualche problema.

I coloranti naturali che usiamo sono i mordenti all’acqua e li usiamo per dare il colore di base che avrà il nostro mobile, mentre i coloranti sintetici come le aniline all’alcool li prepariamo e poi li usiamo solo per fare semplici ritocchi al mobile che stiamo restaurando

Come hai potuto vedere nella video-risposta che ho dato a Antonia su come colorare dopo la sverniciatura, dare il colore giusto al mobile che abbiamo sverniciato ci aiuta a ripatinarlo correttamente. Segui passo dopo passo tutto il processo di restauro con il mio corso online “Restaurare è facile” . Il corso che ti consente di seguire le mie lezioni comodamente da casa tua, con i tuoi tempi, magari la sera quando vuoi rilassarti. Oppure nel fine settimana quando sei nel tuo box alle prese con il tuo primo mobile da restaurare. Sarà come essere in bottega al mio fianco. Elimina subito tutti i tuoi dubbi con un Maestro al tuo fianco con il corso online “Restaurare è facile”

Se sei alle prime armi, vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai come fare e hai paura di rovinarlo.

Guarda la teleconferenza di presentazione del nuovo corso online “Restaurare è facile”

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.