Come consolidare il legno con il Paraloid

Ieri sera, durante la teleconferenza mensile dell’ Accademia del restauro, Flavio mi ha chiesto cos’è il Paraloid e come si usa. Le nostre teleconferenze sono sempre molto vivaci e interessanti: i miei studenti-apprendisti mi pongono le loro domande e io rispondo in diretta dando un consiglio, una spiegazione, svelando un segreto di bottega.

Il Paraloid è una resina sintetica usata nel restauro dei mobili antichi per consolidare parti particolarmente ammalorate. Il recupero di parti di mobile, anzichè la loro sostituzione, è il giusto atteggiamento che guida la mano del bravo restauratore. E’ più facile sostituire i piedi o il fondo di un mobile piuttosto che recuperarli e questo, a volte, va a discapito dell’integrità del mobile.

Come usarlo?

Usare il Paraloid è molto semplice. La resina, si tratta di metacrilato di etile e metacrilato di metile, si presenta sotto forma di cristalli trasparenti. Questi si sciolgono in molti solventi, generalmente io sciolgo il Paraloid in acetone o diluente nitro.

Una volta sciolta la resina passo a consolidare tramite spennellature successive o per immersione la parte da consolidare. Il solvente consente alla resina di penetrare nel legno in profondità. Una volta evaporato il solvente, la resina rimane all’interno del legno consolidandolo.

E’ molto importante diluire correttamente la resina. La diluizione ottimale va dal 3 al 5%. Usare il Paraloid meno diluito potrebbe creare un film superficiale. Questo impedirebbe alla resina di penetrare nel legno in profondità, lasciandola in superficie.

L’uso del Paraloid è molto importante nel restauro conservativo dei mobili antichi ma non solo. La resina è usata nel restauro di tutti i manufatti antichi e sfruttando la sua particolarità di formare pellicole il Paraloid viene usato anche come finitura di materiali come il ferro o la pietra.

In questo caso non ha solo una funzione di consolidante ma anche di protettivo. Isolando la materia dall’ossigeno e dagli agenti atmosferici ne evita l’ossidazione e il degrado. Puoi trovare il Paraloid in vendita nei negozi specializzati in articoli per il restauro e online.

Flavio nei prossimi giorni userà il Paraloid per consolidare la parte ammalorata di un mobile che sta restaurando e sarà seguito passo dopo passo da me, il suo Maestro. Potrà inoltre condividere i risultati del suo lavoro con i suoi colleghi nel Forum riservato dell’Accademia. Proprio come in una vera bottega artigianale.

Se ami il restauro e vuoi scoprire tutti i “trucchi del mestiere”, evitando così di fare inutili errori, hai molti modi per approfondire l’argomento. Puoi leggere il mio Prontuario del restauratore oppure puoi seguire i miei corsi online. Se invece preferisci i corsi dal vivo,  qui trovi tutte le date e i programmi dei corsi che tengo nel mio laboratorio di Milano.

Buon restauro!

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.