La gommalacca: una resina naturale meravigliosa

La lucidatura a gommalacca rimane, anche dopo l’invenzione delle resine sintetiche, il miglior modo di lucidare il legno e in particolare i mobili antichi. Quest vernice rimane insuperata per quanto riguarda l’esaltazione del legno in tutte le sue venature, marezzature, radiche e piume. E’ una meravigliosa resina di origine animale secreta dalla femmina di un insetto, la Kerria lacca. Questo insetto è allevato in India e Thailandia.

L’insetto appartiene alla stessa famiglia delle cocciniglie da cui si estrae il colore rosso naturale per uso alimentare. Nella prima fase della produzione è colorata e viene sottoposta ad un procedimento per toglierne il colore. In Europa viene generalmente commercializzata in scaglie dal caratteristico colore ambrato. Esiste anche una varietà di gommalaccca decerata, assolutamente incolore. La frazione colorata delle resina viene ancora oggi usato come colorante naturale.

Nel 600 la gommalacca veniva importata in Europa principalmente per la sua funzione di colorante. Solo più tardi verrà usata come resina per lucidare i mobili. La gommalacca è una resina molto versatile. La sua struttura chimica le consente di essere utilizzata come una vera e propria “plastica naturale”. Ancora negli anni 40/50 del 900, prima dell’invenzione delle resine sintetiche, la gommalacca era usata per produrre dischi, smalti, mastici e la lacca per capelli che usavano le nostre mamme non era altro che gommalacca nebulizzata…

La gommalacca e la lucidatura a tampone:

La vernice di gommalacca che in genere usiamo per la lucidatura a tampone è una vernice alcoolica con una struttura molto semplice. Gommalacca in scaglie diluita in alcool a 99,9°. Questa vernice non si presta ad essere stesa a pennello in quanto le mancano quelle caratteristiche di elasticità tipiche delle vernici a pennello. Dà il meglio di sé quando è usata a tampone.

La lucidatura a tampone è stata messa a punto in Francia nella metà del 700 e perfezionata in epoca Impero. Ancora oggi i paesi anglosassoni chiamano la lucidatura a tampone “French Polish”. La ricetta base che io consiglio per la preparazione di una buona vernice è di 200 grammi di gommalacca in scaglie diluita in un litro di alcool denaturato a 99,9°. Questa vernice è piuttosto densa e la utilizzeremo poi nella lucidatura diluendola ulteriormente.

Quanto diluiremo la vernice? Nella lucidatura a tampone le variabili sono tante ma la varietà del legno che dobbiamo lucidare e il tipo di lucidatura che desideriamo realizzare sono le principali. Sarà molto diverso infatti lucidare a poro pieno legni con il poro grande come il rovere o il castagno rispetto a legni con il poro piccolo come il ciliegio o il pero.

Guarda un interessante video sulla produzione della gommalacca.

Trovi le ricette per le vernici sul Prontuario del restauratore

Vedi come lucido un mobile dell’800 nel video: La lucidatura a gommalacca.

Lucidi a tampone nella mia bottega seguendo i Corsi dal vivo

Immagini da Pinterest

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su “Like” e lascia un commento 🙂

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.