La lucidatura a mezzo poro

Elio, un amico-studente, mi chiede: “Carlo spesso parli di lucidatura a mezzo poro, cosa significa? . Significa dosare la quantità di resina che metti nel poro fino a raggiungere il lucido che desideri.

Lucidare a tampone a gommalacca significa infatti riempire il poro del legno con una resina o più resine. Se stai usando una vernice poliresinosa, sta a te, al tuo gusto o al gusto del tuo cliente dosare questo riempimento.

Puoi usare la vernice di gommalacca come semplice turapori, prima della cera su mobili molto rustici in legno dolce o arrivare alla brillantatura, magari aiutandoti con il benzoino, se stai lucidando un importante mobile intarsiato del 700.

La quantità di resina nel poro unita ad una rasatura del pelo perfetta consente alla luce di penetrare in profondità, essere riflessa e mettere in evidenza tutte le venature del legno,le marezzature e le radiche.

Lucidatura a mezzo poro:

Esiste però una categoria molto vasta di mobili. Dal mobile antico al mobile dell’800 che richiedono una lucidatura più morbida. A mezzo poro appunto, e questo lo ottieni riempiendo il poro a metà in maniera uniforme su tutta la superficie del mobile.

credenza francese-artedelrestauro.it

La lucidatura a mezzo poro  richiede poi una finitura a cera con un buon encaustico di cera d’api e carnauba. Questa inceratura finale ha la funzione di penetrare nella restante metà del poro smorzando il lucido della gommalacca e patinando il mobile. Dona al mobili un aspetto patinato e vissuto, quel famoso lucido-morbido dei mobili dell’800.

Ricorda infatti che un mobile ben restaurato deve sembrare un mobile non restaurato, deve essere cioè in patina.

Nell’immagine, una credenza francese della seconda metà dell’800. E’ stata realizzata con lucidatura a mezzo poro nel mio laboratorio. Nota il lucido morbido sulla sua superficie.

Nel Prontuario del Restauratore è descritto passo dopo passo tutte le ricette e segreti di un corretto restauro del mobile antico.

Vedi tutta la lucidatura a gommalacca passo dopo passo nel mio videocorso “La lucidatura con la gommalacca”.

Segue tutto il percorso di restauro di mobili antichi con i corsi online Restaurare è facile, L’Accademia del restauro e il Master in Restauro e Antiquariato.

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.