Come restaurare una sedia: i rinforzi interni

Come restaurare una sedia correttamente è uno degli argomenti che stiamo affrontando in questi giorni al corso serale che tengo nel mio laboratorio di restauro a Milano. La sedia è un mobile molto affascinante. Su pochissimi punti di tenuta sopporta sforzi molto importanti.

E’ per questo motivo che il restauro di una sedia va fatto in modo corretto. Qui puoi leggere  un articolo su come sbottire una sedia, quali attrezzi ti servono e quale colla usare. Oggi ci soffermiamo su un passaggio importante di questo restauro: i rinforzi interni o come li chiamava il mio maestro i “gattelli” (sinonimo di sostegno o rinforzo).

La sedia dopo essere stata sbottita, smontata e incollata va infatti rinforzata. Rinforzare una sedia significa incollare all’interno della seduta dei rinforzi che “legano” i traversi della seduta con i montanti delle gambe creando un unicum molto resistente.

Solo in questo modo siamo sicuri che, una volta tornata in uso la sedia, questa potrà sopportare tutti gli sforzi. Ma vediamo passo dopo passo come si fanno i rinforzi o “gattelli”:

come restaurare una-sedia con rinforzi adeguati-artedelrestauro.it In genere i rinforzi sono costruiti come quelli che vedi nella foto. I rinforzi triangolari non sono mai troppo precisi e non si morsettano bene ai traversi della sedia. Meglio evitarli.

come restaurare una sedia rinforzi-artedelrestauro.itDopo averi incollato la sedia riportiamo su un cartoncino gli angoli esatti della seduta. Gli angoli posteriori e anteriori in genere sono differenti.

come restaurare una sedia rinforzi-artedelrestauro.itDiamo una forma al cartoncino. Questa forma è studiata per consentire ai morsetti di stringere il rinforzo lungo i traversi della sedia.

come restaurare una sedia e tracciare i rinforzi-artedelrestauro.itRiportiamo la forma del rinforzo sul legno. Io uso una tavola di pioppo alta 3 cm. Il pioppo è un legno pastoso e sufficientemente morbido da tagliare e lavorare.

come restaurare una sedia tagliando i rinforzi di pioppo con il seghetto alternativo-artedelrestauro.itTagliamo i rinforzi con un seghetto alternativo. Se non hai pratica con questo elettroutensile puoi farteli tagliare in pochi minuti da un falegname.

come restaurare una sedia e sagomare i rinforzi-artedelrestauro.it Gli interni dei traversi della sedia non sono mai precisi e con lima e raspa (una lima dai denti più grandi) adeguiamo il rinforzo tagliato ai traversi della nostra sedia.

come restaurare una sedia e incollare i rinforzi con i morsertti-artedelrestauro.itIncolliamo e morsettiamo i rinforzi alla sedia. Per incollare i rinforzi ti consiglio di usare una colla vinilica per avere garanzia di incollaggio e tenuta.

come restaurare una-sedia con rinforzi curvi-artedelrestauro.itQui sopra vedi i rinforzi per la parte posteriore di una poltroncina di epoca Restaurazione. Come vedi la forma del rinforzo si adegua perfettamente alle forme dei traversi unendo questi e i montanti delle gambe. Dopo che la colla ha fatto presa (almeno 24 ore) mettiamo due viti come ulteriore sicurezza di tenuta.

Le viti sono moderne a stella e non sono nascoste in quanto si tratta di un intervento di restauro volutamente “invasivo” e che non mi interessa nascondere. In alcuni casi sotto la seduta della sedia possiamo far mettere una teletta di cotone dal tappezziere.

Se ami il restauro e vuoi scoprire tutti i “trucchi del mestiere”, evitando così di fare inutili errori, hai molti modi per approfondire l’argomento. Puoi leggere il mio Prontuario del restauratore oppure puoi seguire i miei corsi online. Se invece preferisci i corsi dal vivo qui trovi tutte le date e i programmi dei corsi che tengo nel mio laboratorio di Milano.

Buon restauro!

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.