Rabottare una superficie

Tempo fa, parlando ai miei studenti dell’Accademia del restauro di impiallacciatura e lastroni, e su come si posano in opera con la colla a caldo, ho parlato del “rabot” e del significato del termine “rabottare”.

Come sai un mobile lastronato o impiallacciato è un mobile costruito con una essenza non nobile o di pregio. Spesso si usa il pioppo o l’abete, rivestito poi con un foglio sottile di un’essenza più nobile quale il noce, il mogano o una radica.

“Rabottare”

Significa graffiare la superficie della struttura in legno dolce prima della posa del lastrone.

Questi graffi hanno la funzione di accogliere la colla a caldo. Aumentano la superficie di incollaggio ancorando così il lastrone alla struttura del mobile.


Lo strumento usato per questa operazione è il “rabot”. Una pialla con la lama molto speciale. La lama infatti è tutta dentata e passando sulla superficie la incide “rabottandola”.

Il termine “rabot” in francese significa semplicemente “pialla”. In italiano si usa in riferimento a questo specifico attrezzo. La pratica di rabottare i mobili è caduta in disuso intorno alla metà dell’800,

Dopo l’introduzione delle impiallacciature sempre più sottili, fino a pochi decimi di millimetro, prodotte non più a mano come i lastroni ma a macchina. “Rabottare” era invece indispensabile quando gli spessori dei lastroni, tagliati a mano, non potevano essere inferiori ai 2/4 millimetri.

Il passaggio successivo, nella posa del lastrone era, oltre all’uso della colla animale, l’uso della martellina, ma di questo parleremo prossimamente.

Le immagini sono tratte da un mio tutorial sull’uso del “rabot” per lastronare con la colla a caldo e mostrano una superficie “rabottata”, un “rabot”, la sua lama ed infine la martellina per lastronare.

Nel Prontuario del Restauratore è descritto passo dopo passo tutte le ricette e segreti di un corretto restauro del mobile antico.

Vedi tutta la lucidatura a gommalacca passo dopo passo nel mio videocorso “La lucidatura con la gommalacca”.

Segue tutto il percorso di restauro di mobili antichi con i corsi online Restaurare è facile, L’Accademia del restauro e il Master in Restauro e Antiquariato

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.