Come riparare un fianco spaccato: sverza o cotone?

Una delle domande che ricevo più di frequente è: Carlo, come riparare fianco spaccato o un coperchio spaccato di un mobile?

Di solito il restauro classico prevede l’inserimento di una sverza di legno nella spaccatura. Questo non è sempre il miglior intervento, sopratutto quando gli spessori non sono molto alti. La sverza non potrebbe essere incollata adeguatamente.

Come sai la sverza è un lungo cuneo di legno che viene incollato nella spaccatura del legno dopo aver fissato il fianco o il coperchio con dei traversi. Puoi vedere in questo articolo come si sverza il fianco di un comodino.

Nel caso in cui la spaccatura non sia eccessivamente profonda del fianco di un comodino, di una credenza o di qualsiasi altro tipo di mobile con l’interno a vista, inserire dei traversi o dei rinforzi per contenere i movimenti del legno, non è sempre la scelta migliore. Il risultato sarebbe un restauro troppo evidente e antiestetico, peraltro non necessario su spaccature di lieve entità.

Ti consiglio invece di intervenire usando una striscia di cotone e della colla a caldo, cioè della colla animale. Come forse saprai, per le colle usate nel restauro è importante non solo la capacità di tenuta ma anche la reversibilità. In questo modo puoi staccare l’incollaggio e rifarlo in caso fosse necessario. Per questi motivi, la colla animale è la migliore.

fianco spaccato di un cassettone sistemato con il cotone incollato-artedelrestauro.it

Ripara allora la spaccatura sul fianco interno del tuo mobile procedendo in questo modo:

1. taglia una striscia di cotone larga una decina di centimetri e di lunghezza leggermente superiore alla spaccatura.Dovrai coprire infatti non solo la spaccatura ma andare oltre, seguendo l’ideale direzione del solco

2. sulla parte interna del mobile, lungo la spaccatura, applica una base di colla a caldo e stendici sopra il cotone; passa poi sul cotone un altro strato di colla

3. se la spaccatura ha creato dislivelli, stringi l’incollaggio con i morsetti. Usa sempre un foglio di giornale per evitare che la colla faccia presa sul legno stretto dal morsetto. Una volta tolto il morsetto, ti basterà passare una spugna inumidita con acqua tiepida per eliminare l’eventuale carta rimasta incollata al cotone.

4. ferma con un pezzo di legno contro il giornale e uno all’esterno del mobile. Lascia infine riposare per 24 ore.

fianco spaccato di un cassettone sistemato con lo stucco-artedelrestauro.it

Se lo spessore del fianco non è troppo alto. Ti assicuro che questa tecnica dà ottimi risultati, consentendoti sia di riparare la spaccatura che di raddrizzare il fianco. Dopo un simile intervento non si può più sverzare. E’ necessario stuccare: entrando con la sverza nella spaccatura andresti infatti a rompere il cotone. Per questo motivo ti consiglio di usare la tecnica con colla e cotone solo su piccole spaccature.

La tecnica delle strisce di cotone lo usiamo anche per chiudere le spaccature sui fondi dei cassetti e sulle schiene dei mobili.

Vedi come usare correttamente strisce di cotone e sverze di legno nei tutorial dell’Accademia del restauro da cui sono tratte le foto di questo articolo.

Se ti è piaciuto l’articolo clicca “Like” e lascia un commento 🙂

Buon restauro!

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.