Come foderare con la carta di Varese

Lucidare o foderare l’interno dei mobili? In questo articolo ti mostro come foderare con la carta di Varese

 

In un precedente articolo abbiamo visto insieme perchè preferisco lucidare con la gommalacca le parti interne dei mobili che sono in uso come cassetti, credenze e librerie.

Alcuni clienti però preferiscono avere i cassetti foderati con la carta di Varese. Il cassetto foderato si presenta molto bene e comunica un’idea di pulito e ben restaurato. Quando il cliente ce lo chiede espressamente foderiamo con la carta gli interni dei mobili.

In questo articolo ti ho mostrato come pulire il cassetto dalle vecchie carte e come preparare la colla da tappezziere. Oggi vediamo insieme come foderare con la carta di Varese:

  • misuriamo i fianchi e il fondo del cassetto
  • tagliamo la carta con un cutter
  • mettiamo la colla sul legno
  • mettiamo la colla sulla carta
  • appoggiamo la carta sul legno
  • “tiriamo” bene la carta con uno straccio

In questo modo il cassetto è stato ben pulito e foderato. La foderatura dei cassetti è da concordare sempre con il cliente prima di inziare un restauro.

Come foderare con la carta di Varese.

Per poter essere chiamata “Carta di Varese” una carta decorativa deve avere un certo spessore e pesare almeno 100 grammi per metro quadrato (100 gr/mq). Vedremo come questo aspetto della grammatura sarà importante nella foderatura del cassetto. Qui leggi la storia della carta di Varese.

Il taglio della carta di Varese.

Prendiamo le misure del cassetto e tagliamo la carta. Quando tagliamo teniamo presente che i gigli dovranno avere tutti la stessa direzione e andare sempre dal basso verso l’alto. Questo concetto ti sarà più chiaro più avanti vedendo le immagini.

la colla da tappezziere.

Dopo aver preparato la colla da tappezziere e averla lasciata riposare una notte prendiamola con una pennellessa e stendiamola su un fianco del cassetto.

Come mettere la colla sul bordo.

La colla che stendiamo non deve essere troppa perchè bagnerebbe troppo la carta, ma nemmeno troppo poca perchè non riuscirebbe a incollare bene la carta al legno.

Come mettere la colla sulla carta.

Passiamo la colla anche sulla carta, stendiamola in modo uniforme senza bagnarla troppo perchè si gonfierebbe. Sarà l’esperienza ad aiutarti a dosare la quantità di colla.

Come tirare la cara con lo straccio.

Appoggiamo la carta al legno, stendiamola bene con le mani evitando di fare grinze o pieghe e con uno straccio di cotone pulito “tiriamo” la carta per farla aderire al legno.

Come foderare i bordi.

Come vedi la carta dei bordi è stata messa in un certo modo: nota come l’altezza della striscia è superiore all’altezza del fianco, questo lo facciamo per poter scendere con la carta anche sul fondo del cassetto.

Come foderare con la carta di Varese.

Passiamo la colla sul fondo, la carta che scende dai fianchi rende più facile la successiva centratura dei fogli sul fondo del cassetto. Quando i fogli saranno bagnati infatti non sarà facilissimo centrarli sul fondo.

Come stendere la colla sulla carta.

Mettiamo la colla anche sulla carta che abbiamo già tagliato. Come ho già detto non dobbiamo esagerare con la colla perchè l’acqua in essa contenuta gonfierebbe la carta.

Come tirare la carta con lo straccio.

Appoggiamo il primo foglio sul fondo e con lo straccio di cotone, partendo dal centro del foglio, “tiriamo” la carta in tutte le direzioni. Questa operazione è importante per eliminare eventuali bolle d’aria o pieghe della carta. La grammatura pesante della carta di Varese ci aiuta a non strapparla.

Come foderare con la carta di Varese.

Dopo aver passato al colla appoggiamo anche l’ultimo foglio sul fondo del cassetto, partiamo dal centro del foglio e “tiriamo” bene la carta in tutte le direzioni.

Come foderare con la carta di Varese.

Curiamo in particolar modo gli angoli, asciugando la colla in eccesso che potrebbe uscire sporcandoli. Verifichiamo che tutta la carta sia ben stesa.

Come foderare con la carta di Varese.

Ecco come si presenta il cassetto foderato. Nota sui fianchi come la carta sia stata incollata qualche millimetro sotto il bordo del cassetto, in questo modo sarà meno facile strapparla con l’uso.

Difetti della carta di Varese.

Mettiamo il cassetto foderato ad sciugare in un luogo ventilato, sulla superficie si formeranno delle increspature, è l’effetto dell’acqua che gonfia leggermente la carta. In genere è normale e le increspature rientrano con l’asciugatura.

In questo articolo abbiamo visto insieme come foderare con la carta di Varese. Si tratta di una operazione semplice ma che richiede qualche piccolo accorgimento. Le immagini di questo articolo sono tratte dai tutorial dei Corsi Online.

Qui puoi leggere il precedente articolo sulla lucidatura degli interni e qui l’articolo sulla preparazione della colla da tappezziere.

Se ami il restauro dei mobili e ti piacerebbe imparare a riconoscerli e restaurarli a regola d’arte ti consiglio i Corsi Online.

I Corsi Online di Mestieri in corso sono una raccolta di video tutorial che ti mostrano il restauro e la decorazione del mobile a tutto tondo. Dalla preparazione dello stucco fino al riconoscimento di un mobile falso. Ti aiutano a imparare il restauro online al tuo ritmo: ti abboni per quanto tempo vuoi, impari ciò che ti serve, lo consulti quando e dove ti pare. Clicca qui per vedere il video di presentazione dei Corsi Online.

A presto con un nuovo articolo!

Il maestro Carlo

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.