Come preparare la colla da tappezziere

Lucidare o foderare l’interno dei mobili? In questo articolo ti mostro come pulire i cassetti e preparare la colla da tappezziere.

 

Nel precedente articolo abbiamo visto insieme perchè è meglio lucidare con la gommalacca le parti in uso all’interno dei mobili antichi, come i cassetti.

A volte però il cliente preferisce avere gli interni, soprattutto i cassetti, foderati con la carta di Varese.

Questa è una cosa da chiarire bene quando facciamo il progetto di restauro, pur preferendo infatti lucidare gli interni chiediamo sempre al cliente se preferisce invece averli foderati.

Vediamo quindi insieme come pulire i cassetti e come preparare la colla da tappezziere per foderarli con la carta di Varese.

  • aspiriamo l’interno del cassetto
  • togliamo la vecchia carta
  • puliamo bene il fondo e i lati del cassetto
  • prepariamo la colla da tappezziere
  • procediamo con la foderatura

In questo modo togliamo tutte le vecchie carte che in genere sono sporche e strappate e foderiamo con la nuova carta su un fondo pulito e uniforme.

Cassettino Impero foderato con carta.

Non è raro trovare mobili antichi che sono stati foderati con una carta. Qui sopra vedi un cassettino di un secrétaire Impero foderato con una carta dell’epoca.

Lucidare o foderare l'interno dei mobili?

Qui invece vedi l’interno di un bel comodino neoclassico foderato con una carta da parati dell’epoca. In questi casi dobbiamo decidere con il cliente se mantenere la carta o se toglierla e lucidare l’interno.

Cassetto foderato con carta di Varese.

In genere però la carta è stata messa in precedenti restauri ed è sporca e strappata. Ecco come si presenta la carta di Varese all’interno di un cassetto restaurato negli anni 80.

La pulitura del fondo del cassetto.

Se il cassetto è stato foderato usando la colla da tappezziere non ci sono grossi problemi. Basterà infatti bagnare la carta con acqua tiepida, lasciarla ammorbidire e toglierla con uno scalpello o una spatola.

cassetto pulito dalla vecchia carta.

A volte però l’acqua tiepida non basta. Se la carta è incollata bene al legno usiamo lo Staccaparati, un prodotto specifico per staccare le carte da parati da legno e muri.

come pulire la vecchia carta dai cassetti.

Se invece, per incollare la carta, è stata usata una colla vinilica toglierla diventa più problematico. Dobbiamo infatti usare lo sverniciatore che di solito usiamo per sverniciare i mobili.

Come pulire la vecchia

Passiamo lo sverniciatore sulla carta e lasciamolo “lavorare” per qualche minuto. Togliamo poi la carta aiutandoci con la paglietta d’acciao grossa e una spatola senza rovinare il fondo di legno.

Come preparare la colla da tappezziere.

Dopo aver pulito i cassetti prepariamo la colla da tappezziere. Io uso il Metylan un prodotto a base di cellulosa che ha un buon potere adesivo ma che è anche facilmente removibile.

Metylan

Dopo aver pesato la polvere mettiamola in un contenitore e aggiungiamo l’acqua, per il dosaggio segui le indicazioni della confezione. Dopo poche ore si formerà una gelatina trasparente.

Come preparare la colla da tappezziere.

Io preparo sempre la colla il giorno prima di incollare la carta in modo che questa sia perfettamente omogenea e senza grumi. Se la colla è troppo densa possiamo diluirla con altra acqua.

cosa serve veramente per foderare coon la carta di Varese.

Gli attrezzi che servono per foderare i cassetti sono pochi e semplici. Ci servono la colla, la carta di Varese, una riga, un cutter, le forbici, un metro e la matita per segnare dove tagliare la carta.

Cassetto foderato.

Qui vedi come si presenta un cassetto foderato correttamente, tutti i giglietti devono avere la stessa direzione dal basso verso l’alto e la carta deve essere ben tesa.

In questo articolo abbiamo visto come pulire il cassetto e come preparare la colla da tappezziere, nel prossimo ti svelerò i segreti per foderare i cassetti a regola d’arte. Qui puoi leggere il precedente articolo sulla lucidatura degli interni.

Le immagini di questo articolo sono tratte dai tutorial dei Corsi Online.

Se ami il restauro dei mobili e ti piacerebbe imparare a riconoscerli e restaurarli a regola d’arte ti consiglio i Corsi Online.

I Corsi Online di Mestieri in corso sono una raccolta di video tutorial che ti mostrano il restauro e la decorazione del mobile a tutto tondo. Dalla preparazione dello stucco fino al riconoscimento di un mobile falso. Ti aiutano a imparare il restauro online al tuo ritmo: ti abboni per quanto tempo vuoi, impari ciò che ti serve, lo consulti quando e dove ti pare. Clicca qui per vedere il video di presentazione dei Corsi Online.

A presto con il nuovo articolo!

Il maestro Carlo

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.