Lo stile Direttorio

In questi giorni Vincenzo, uno studente dell’Accademia del restauro, si appresta a restaurare un cassettone Direttorio intarsiato. Si tratta di un bel cassettone dalle linee pulite e semplici tipiche di questo stile.

Ma quando nasce e si sviluppalo stile Direttorio?

Lo stile Direttorio si inserisce in quel movimento più ampio che definiamo Neoclassicismo. Nato come rifiuto degli eccessi del Rococò, il Neoclassicismo si ispira ai modelli del passato classico greco e romano. Dopo gli scavi di Ercolano e Pompei del 1738, il gusto per il passato diventa una vera passione. Il primo stile Neoclassico è, in Francia, lo stile Luigi XVI.

Dopo la Rivoluzione Francese il primo stile nell’arredo è proprio il Direttorio che eredita il gusto del passato e delle linee pulite ispirate alla sobrietà dei costumi. Il Direttorio è dunque uno stile di transizione tra “l’ancien régime” e l’Impero che, con Napoleone, trasformerà di nuovo il gusto per gli arredi.

In Italia lo stile Direttorio dura pochissimi anni, dal 1795 al 1805. E’ questo un periodo di grandi cambiamenti sociali ed i mobili seguono l’evoluzione del gusto e del costume. I mobili diventano più contenuti nelle dimensioni, più a misura di borghesia e case confortevoli che di nobiltà e palazzi nobiliari. Si affermano tipologie di mobile che avranno poi grande fortuna per tutto l’800.

Ad esempio il secretaire, evoluzione della ribalta settecentesca, è una di queste tipologie. Ti voglio proporre un secretaire in puro stile Direttorio italiano. Le linee pulite e formali, la riquadratura del primo cassetto, il piede a piramide rovesciata Neoclassico e l’assenza di ferramenta a favore di semplici bocchette a filo in ottone ne fanno un classico esempio.

Anche la costruzione del mobile cambia, i cassetti hanno le guide e le code di rondine più curate, la schiena è in noce ed inserita nei montanti, stiamo andando verso l’800 e lo stile Impero. I mobili in questo stile sono rari e molto ricercati. Spesso vengono definiti Direttorio mobili semplicemente Neoclassici.

Nella foto un secretaire in puro stile Direttorio italiano, la struttura del mobile è in noce, lastronata in noce. Lodi, collezione privata.

Se vuoi approfondire sulla storia del mobile ti consiglio il Master in Restauro e Antiquariato

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.