Come ebanizzare il legno

Come ebanizzare il legno e una breve storia dell’ebano e dei mobili ebanizzati

Con il termine ebano venivano indicati già in epoche remote vari legni di grande pregio, di colore molto scuro o nero. Duri e pesanti, questi legni, provenivano da zone geografiche molto diverse: dall’Africa, dall’Asia e dall’America.

L’epoca d’oro di utilizzo dell’ebano fu il Seicento, in quanto, a partire dal 700, le scoperte geografiche e la conseguente importazione di altri legni esotici misero in ombra questo legno il cui colore cupo non si addiceva alla frivola società dell’epoca.

Il colore nero però manterrà il suo fascino ancora per molti secoli e sarà usato, in ebanisteria, per colorare mobili o metterne in evidenza alcune parti. Il nero, inoltre, sarà usato per imitare le lacche giapponesi.

Ebanizzare significa colorare di nero un legno.

Massellino di ebano.

L’ebano è un legno nero e molto compatto, ha un peso specifico talmente alto che non galleggia. Fino al 500 veniva importato dall’Africa, poi dalle Americhe.

Lastrone di ebano.

L’ebano è sempre stato un legno molto costoso e, per ottimizzarne il consumo, veniva tagliato in lastroni usati per rivestire i mobili. Da questa pratica nasce la figura dell’artigiano ebanista.

Monetiere in ebano e marmi antichi.

L’ebano veniva usato per costruire mobili molto importanti e particolari. Qui vedi un monetiere del 600 costruito in ebano massello con inserimenti di marmi antichi.

Cassettone settecento francese con piano in marmo portoro.

Nel 700 furono realizzati mobili neri ispirati alle lacche orientali. Alcune volte venivano usati veri pannelli orientali laccati di nero, altre volte la lacca nera orientale era una imitazione.

Scatola giapponese del Metropolitan Museum di New York.

Questo cofanetto giapponese del 700 rende bene l’idea delle lacche giapponesi del periodo Edo che influenzarono il gusto in Europa dal 600 a tutto l’800.

Ribalta lombarda.

Il colore nero è spesso presente nella decorazione dei mobili come in questa ribalta lombarda del 700. Le cornici nere, in questo caso, non erano in ebano ma in legno di pero ebanizzato.

Cesstone Impero lombardo.

Anche nei primi anni dell’800 troviamo il nero che definisce alcuni particolari dei mobili Impero e Biedermeier. Su questo cassettoncino le colonne sono di noce ebanizzato.

Tavolino ebanizzato.

Questo tavolino in stile Napoleone III invece è un buon esempio di mobile ebanizzato della fine dell’800. Anche in quest’epoca il nero, l’oro e la madreperla si ipirano alle lacche giapponesi.

Come ebanizzare il legno al corso in bottega di mestierincorso.it.

Per ebanizzare il legno io uso un mordente ebano molto concentrato. Si tratta di un colorante che sciogliamo in acqua e che usiamo per tingere le fibre del legno rendendole nere.

Corso di lucidatura a gommalacca.

Oltre al mordente ebano, per laccare un mobile di nero usiamo una gommalacca tinta di nero. Per farlo usiamo l’anilina nera, qui vedi Daniele al corso personalizzato di lucidatura che passa la prima mano di lacca nera su una tavoletta tinta con il mordente ebano.

Come ebanizzare il legno al corso online di mestierincorso.it.

Quando è possibile recuperiamo la laccatura nera originale dei mobili ebanizzati. Questo ci consente di ottimizzare i tempi di restauro e di ottenere ottimi risultati. Insegno a recuperare i mobili neri in patina non solo in bottega a Milano ma anche nei Corsi Online.  Clicca qui per vedere il video di presentazione dei Corsi Online.

Se anche tu ami il restauro e la lucidatura a gommalacca e vuoi approfondirne un aspetto che ti interessa particolarmente vieni ai corsi dal vivo che tengo in laboratorio a Milano oppure segui uno dei miei corsi online.

Se invece sei alle prime armi scopri i segreti del restauro con il Prontuario del lucidatore e il videocorso  in DVD “La lucidatura a gommalacca”.

Il maestro Carlo

 

Le immagini sono tratte dai Corsi Online , da Aste Cambi e dal MET di New York che ringrazio. Le informazioni sull’ebano sono tratte da “Legni da ebanisteria” MATERIALI DELLA CULTURA ARTISTICA DE LUCA EDITORI D’ARTE.

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.