Come colorare lo stucco di gesso

Carla mi chiede:

<< Buongiorno Maestro,  con i miei mobili di poco conto con i quali, da buona neofita, mi esercito nel restaurarli, mi capita sempre un inconveniente molto fastidioso. Nel rifare piccole parti o per tappare una piccola fessura, insomma dove si rende necessario usare lo stucco mi viene sempre fuori un pasticcio perché lo stucco continua a vedersi sotto la verniciatura.

Insomma quella chiazza biancastra e pasticciata non mi consente di rendere il mio lavoro presentabile. Nemmeno lo smalto lo copre. E’ il mio stucco difettoso? Ho anche provato, seguendo un suggerimento, a tingerlo e lavorarlo un po’ prima con del mordente ma niente da fare, è sempre irregolare e fa sembrare il lavoro un’opera da “dilettante allo sbaraglio”. come colorare lo stucco di gesso ? La ringrazio se vorrà togliermi da questa impasse. Saluti e complimenti per il suo lavoro, Carla >>

Ciao Carla,

lo stucco di gesso è uno degli stucchi naturali che usiamo nel restauro. Possiamo prepararlo da noi usando il gesso di Bologna oppure comprare uno stucco per legno già pronto in colorificio. In entrambe i casi dobbiamo però imparare a colorare lo stucco con le terre proprio per evitare che lo stucco bianco si veda sotto la verniciatura.

Vediamo insieme la video-risposta su come colorare lo stucco di gesso:

Rispondo oggi alla domanda di Carla relativa alla coloritura dello stucco di gesso: Come faccio a colorare lo stucco di gesso per non far vedere le stuccature chiare sotto la verniciatura?

Come colorare lo stucco di gesso ?

Lo stucco di gesso è uno stucco naturale che usiamo nel restauro del mobile antico per fare piccole stuccature oppure rasature di superficie. Altri stucchi che noi usiamo nel restauro sono lo stucco di legno e lo stucco di cera che avremo modo di vedere nei prossimi video.

Cosa ci serve per preparare lo stucco di gesso?

  • Il gesso di Bologna
  • La colla
  • Terre colorate

Una domanda frequente che mi viene fatta nei miei corsi da vivo: posso usare lo stucco pronto che torvo nei negozi di colorifici. Certamente si, possiamo usare lo stucco pronto ma dobbiamo imparare questo passaggio di coloritura perché i colori degli stucchi che troviamo in commercio difficilmente vanno bene nei mobili che stiamo restaurando.

Usiamo una superficie che non assorba l’acqua, un marmo o una piastrella, mettiamo il gesso di Bologna a sufficienza per tutta la stuccatura del mobile perché è difficile riprodurre lo stesso colore se rimaniamo senza. Aggiungiamo le terre colorate, io di solito uso tre o 4 terre, giallo, rosso, bruno chiaro e bruno scuro.

Mescoliamo le terre con il gesso e aggiungiamo l’acqua e amalgamiamo il tutto e aggiungiamo una punta di colla. Che tipo di colla? Se stiamo restaurando un mobile molto antico possiamo usare la colla a caldo, se invece stiamo restaurando un mobile più recente possiamo usare la colla vinilica. La colla serve per fare stare insieme le terre. Non abbondare con la colla perche si ottiene uno stucco troppo duro e resistente alla carteggiatura.

Per sapere se lo stucco è del colore giusto dobbiamo fare una prova mettendo una piccola quantità sulla superficie, lasciamo asciugare e poi con un pennello bagnato in alcool o acqua bagniamo lo stucco e vediamo il colore ottenuto. Generalmente quando restauro un mobile preparo due colori, uno per le parti chiare e uno per le parti scure. Se è un mobile con tanti colori di legno come le radiche possiamo preparare anche 4-5 colori di stucco e creiamo una vera e propria tavolozza di colori di stucco che useremo in ogni parte del mobile.

Una volta carteggiato il mobile, dato il colore e lucidato lo stucco che abbiamo usato non si vede.

Come hai visto nella video-risposta che ho dato a Carla, come colorare lo stucco di gesso, facendoti vedere prima come preparare lo stucco di gesso e colorarlo è facile e divertente. Inoltre ti consente di affinare la tua sensibilità sull’uso del colore nel restauro del mobile antico. Imparare a colorare lo stucco con le terre ti consente di fare un restauro di grande qualità.

Se sei interessato a praticare il restauro del mobile seguendo tutti i passaggi senza paura di sbagliare, imparando le ricette e i trucchi del mestiere guarda il Prontuario del restauratore.

Se sei alle prime armi, vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai come fare e hai paura di rovinarlo gurda il corso online “Restaurare è facile” dove ti mostro con video-tutorial tutto il restauro del mobile antico passo dopo passo.

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.