La lucidatura a tampone

La vernice cosiddetta “a tampone” è una vernice molto semplice. Non è una vernice oleoresinosa, non è composta cioè da un olio, una resina e un solvente. Si tratta di una vernice alcolica: una soluzione di alcool a 95° o 99° cui viene aggiunta una resina, nel nostro caso la gommalacca.

Questa vernice può essere usata a pennello per creare dei fondi, delle basi, di vernice con funzione di turapori. A questi fondi può seguire una finitura a cera o encaustico. Questa tecnica di verniciatura è adatta per mobili molto rustici che non richiedono una finitura brillante.

La lucidatura a tampone:

I migliori risultati con questa vernice si ottengono però con l’utilizzo del tampone. Tecnica apparsa in Francia, secondo alcuni autori, nella seconda metà del 700, e perfezionata nei primi decenni dell’800.

Permette di applicare la vernice in modo da riempire tutti i pori del legno in maniera uniforme e profondo. Crea lucidature senza spessore ma molto resistenti e dall’effetto estetico ineguagliabile.

Questa tecnica di lucidatura rimarrà il miglior sistema di lucidatura fino ai primi anni del 900. Dopo compaiono le prime vernici sintetiche, nitrocellulosiche che sostituiranno la gommalacca. La lucidatura a spruzzo sostituirà poi definitivamente quella a tampone, più laboriosa e con tempi di attesa tra una mano e l?altra più lunghi e quindi più costosa.

La lucidatura a gommalacca a tampone si è mantenuta nel restauro e nella lucidatura dei mobili antichi o nel recupero degli interni di imbarcazioni d’epoca. Questo sia per motivi di compatibilità dei prodotti usati nel restauro sia per la qualità della lucidatura mai raggiunta da nessuna lucidatura moderna.

I segreti di questa antica tecnica sono rimasti, per decenni, chiusi all’interno di polverose botteghe di restauro. Arte e conoscenza portate avanti da appassionati lucidatori che hanno potuto così tramandare, a noi, questa tecnica quasi dimenticata.

Il riscoprirla ed il praticarla ci consente di continuare una tradizione che affonda le sue radici in secoli dove il lavoro artigiano era elevato al ruolo di arte.

 

Risorse interessanti per te!

Scopri tutti i segreti sulla lucidatura a tampone nel DVD sulla lucidatura a tampone o nei Corsi di restauro del mobile antico.

Nel Prontuario del Restauratore è descritto passo dopo passo tutte le ricette e segreti di un corretto restauro del mobile antico.

Segue tutto il percorso di restauro di mobili antichi con i corsi online Restaurare è facile, L’Accademia del restauro e il Master in Restauro e Antiquariato.

gommalacca usata per la lucidatura a tampone-artedelrestauro.it

Nell’immagine: gommalacca in scaglie, la resina naturale usata nella mia vernice a tampone.

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.