Corso di restauro: la lucidatura a tampone

Voglio tornare su alcuni aspetti della lucidatura a tampone. Visto il calore che anima una discussione sul forum del restauro che anch’io seguo regolarmente,
Queste discussioni “fra esperti” rischiano di aumentare la confusione per chi, alle prime armi, si avvicina al mondo del restauro ed in particolare alla lucidatura a tampone. La prima riflessione è che non esiste un modo di lucidare a tampone. Essendo il nostro lavoro un arte e non una scienza c’è margine per l’inventiva, l’esperienza, gli errori ed i ripensamenti. Il mio amico Filippo ha, per anni, usato l’olio di vasellina nella lucidatura, è poi passato all’olio paglierino e si trova meglio. Sbagliava prima? No! Ha solo trovato un modo di migliorare il suo standard di lavoro, ottenendo migliori risultati con minore fatica.
Questo preambolo mi serve per chiarire alcuni passaggi fondamentali nel mio modo di lucidare a tampone. Frutto di oltre vent’anni di esperienza, prima nelle botteghe dei miei maestri, poi da solo nel confronto quotidiano con un mestiere fatto di sfide, di vittorie e di sconfitte che servono per crescere.

Tanti sono i fattori che concorrono ad una buona lucidatura a tampone:

  • l’ambiente in cui si lucida
  • la preparazione del fondo da lucidare
  • il colore e la sua corretta stesura
  • la preparazione della vernice e del tampone
  • l’oliatura e la pomiciatura
  • la lucidatura vera e propria
  • la patinatura
  • la brillantatura

Nel Prontuario del Restauratore è descritto passo dopo passo tutte le ricette e segreti di un corretto restauro del mobile antico.

Segue tutto il percorso di restauro di mobili antichi con i corsi online l’Accademia del restauro e il Master in Restauro e Antiquariato.

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.