La doratura a guazzo delle icone

Non esistono solo le icone antiche. Esistono anche icone moderne e scuole che si prefiggono di insegnare a trascrivere le icone secondo i canoni tradizionali e le antiche tecniche pittoriche ( iconografia) e di arricchire interiormente i partecipanti attingendo al grande patrimonio spirituale dell’Oriente cristiano. In questo articolo parliamo della doratura a foglia d’oro delle icone moderne.

La doratura a guazzo chiamata anche doratura a bolo, consiste nell’applicare foglie d’oro su uno strato di argilla rossa (bolo). Il bolo fornisce una superficie flessibile che consente di lucidare l’oro con un brunitore d’agata ottenendo così un effetto brillante e molto liscio. Il bolo dà riflessi rossi all’oro dovuto alla trasparenza di questo ultimo. Questa tecnica di doratura a guazzo richiede molta pratica e investimento nei materiali per ottenere buoni risultati.

La preparazione del fondo (ammanitura)

Si deve prestare molta attenzione alla qualità del fondo da dorare (ammanitura). La superficie deve essere perfettamente piatta, liscia e accuratamente carteggiata, poiché la minima imperfezione rischia di causare graffi nell’oro durante la brunitura.

Materiale occorrente per la doratura a guazzo :

materiale occorrente per la doratura all'acqua-artedelrestauro.it

  • foglie d’oro (venduti in foglietti da 8 x 8 cm, da 10 a 25 foglie).
  • argilla armena o bolo rosso premiscelato.
  • colla di coniglio in granuli.
  • un cuscino da doratore.
  • un coltello di doratura per tagliare la foglia d’oro.
  • pennello da doratore per portare i pezzi d’oro dal cuscino all’icona.
  • un brunitore d’agata a dente.
  • un pennello di peli di scoiattolo per pulire la superficie.
  • un pennello per acquerello rotondo per inumidire la superficie del bolo.
  • Alcool al 90% (o Vodka!).
  • gommalacca decerata per proteggere la doratura.

La preparazione del bolo

L’argilla armena è una miscela di ossido di ferro colore giallo, rosso o marrone  e terra molto fine. La si può trovare nei negozi specializzati di forniture artistiche. L’argilla usata in iconografia è sempre di colore rosso.

  • Immergere 10 gr di perle di colla di coniglio in 250 ml di acqua e lasciare a riposo durante la notte. Si ottenerà una sostanza gelatinosa.
  • Schiacciare l’argilla armena fino a farla diventare una polvere molto fine.
  • Il giorno seguente, scaldare la miscela di acqua e colla a bagnomaria. Aggiungere un cucchiaino di argilla e mescolare fino a quando sia completamente sciolto.
  • Filtrare il bolo con l’aiuto di una vecchia calza.
  • Lasciar riposare la miscela durante la notte. Il bolo è pronto all’uso.

argilla armena tritata per la doratura a guazzo-artedelrestauro.it

Preparazione con bolo rosso premiscelato:

Il bolo premiscelato è una pasta umida composta da argilla armena e acqua. Deve essere miscelato con la colla di coniglio per l’uso nel seguente modo:

  • Immergere 10 gr di colla di coniglio in 200 ml di acqua durante la notte.
  • Riscaldare la miscela a bagnomaria.
  • Aggiungere gradualmente il bolo nella miscela di colla in un rapporto di 1 volume di pasta a 1 volume di colla.
  • Mescolarla bene e lasciarla riposare durante la notte.

Applicazione del bolo:

  • Inumidire l’intera superficie da dorare con acqua pulita per ammorbidire l’ammanitura. Questo permetterà al bolo di penetrare e garantire una migliore adesione.
  • Riscaldare il bolo a bagnomaria e applicare uno strato sottile e livellare alla superficie. Lasciare asciugare almeno sei ore.
  • Se lo strato fa le fessure o si spella, la colla è troppo forte: carteggiare con cautela il bolo con la carta vetrata fine, aggiungere più acqua alla miscela e applicare nuovamente.
  • Applicare quattro strati di bolo nello stesso modo. Aspettare sei ore tra ogni strato.

  • Carteggiare molto delicatamente la superficie del bolo con una lama di rasoio.
  • Poi strofinare la superficie usando uno straccio ruvido o il lato ruvido della carta da pacco.
  • La levigatura del bolo deve essere perfetta poiché il minimo granello provoca, passando la punta d’agata una striscia o un foro nella doratura.

Preparazione colletta

Riempire un grande bicchiere con 200 ml d’acqua. Aggiungere 50 ml di alcool al 90° (o di Vodka!) e alcuni granelli di colla di coniglio. Scaldare leggermente a bagnomaria e lasciarlo raffreddare. La colletta di doratura può essere usata a freddo a causa del suo basso contenuto di colla.

Applicazione di foglia d’oro

La doratura con foglia d’oro è un’operazione delicata che richiede molta sensibilità. Le foglie d’oro, leggere e fragili, possono sbriciolarsi al minimo errore. Tutte le porte e le finestre devono essere chiuse. Dovresti anche trattenere il respiro, soprattutto quando ti avvicini al cuscino da doratore.

Occorre tener presente altre precauzioni: niente che entri in contatto con le foglie d’oro deve essere toccato con le dita. Il coltello del doratore deve essere sgrassato con alcool prima dell’uso. Non toccare il cuscino direttamente con la mano perché coperto da una pelle sgrassata in cui l’oro non si attacca. Infine, non cercare di tenere o prendere la foglia d’oro con le dita perché sarebbe distrutto immediatamente. Prendilo solo con la punta del doratore.

Tenere la foglia d’oro sopra il cuscino e farla scivolare sul cuscino usando il coltello. Posizionare la foglia sul cuscino usando il coltello mentre scivola dolcemente dall’alto nella direzione in cui vuoi che l’oro sia posizionato.

Tagliare la foglia d’oro in piccole quadrati proporzionali alla dimensione della doratura da fare. Posizionare la lama sulla foglia d’oro e, premendo leggermente, fare un piccolo movimento avanti e indietro. Quindi sollevare con attenzione il coltello. Fare attenzione a non incidere la pelle del cuscino!

Inumidire la superficie da dorare abbondantemente con la colletta, usando un pennello.

Trasportare un pezzo d’oro usando il pennello da doratore e metterlo sulla colletta.

Per fare che il pezzo d’oro si attacchi alla punta, strofinare leggermente sulla guancia o sul dorso della mano per creare una piccola carica di elettricità statica che attirerà l’oro.

Una volta che l’oro viene posizionato si stenderà sul bolo. Se le bolle d’aria appaiono sotto l’oro, eliminarle delicatamente con una spazzola morbida.

applicazione della foglia d'oro nella doratura a guazzo-artedelrestauro.itRipetere questi passaggi fino a coprire l’intera superficie da dorare. Sovrapporre i pezzi d’oro per evitare zone vuote nella zona da dorare. Se appare un foro, applicare un pò di colletta e collocare un altro pezzo d’oro.

La brunitura con l’agata

la tecnica della doratura all'acqua dei lekvas-artedelrestauro.itDopo due ore di essiccazione, lucidare la zona dorata con l’agata. Premere leggermente l’agata sull’oro e fare movimenti circolari. L’area che viene lucidata diventerà brillante come uno specchio in contrasto con il resto dell’oro, che conserverà una finitura opaca.

La brunitura: pulire la superficie delicatamente rimuovendo l’oro in eccesso con la punta d’agata. Se i fori appaiono nella doratura dopo il processo di pulizia, possono essere riparati spargendo un pò di colletta e applicando pezzi d’oro più grandi dei fori, aspettare un’ora e ripulire. Proteggere la doratura con una mano di gommalacca decerata diluita in alcool al 50%.

Affascinante vero? Se ami la doratura a foglia d’oro e vuoi scoprirne i segreti iscriviti al  prossimo corso di doratura in laboratorio a Milano.

Articolo tradotto liberamente da Atelier Saint André

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.