Breve storia della doratura – parte seconda

Continua la storia della doratura…

Già dai tempi più antichi, parallelamente alle tecniche di autentica doratura, si cercò di falsificare e imitare l’oro tingendo argento, piombo o stagno, con decotti e vernici colorate. Numerosi sono i trattati che tramandano complicate ricette, sia in epoca romana che nell’Alto Medio Evo. In questo periodo si diffondono molti ricettari di origine ellenistica che divennero poi il bagaglio culturale di monaci miniatori, pittori e artigiani.

A partire dal Medio Evo, sia in Occidente che in Oriente la doratura diventa una tecnica a sé stante che poteva variare a seconda degli artigiani e dei loro segreti di bottega. I miniatori, ad esempio facevano largo uso dell’”oro in conchiglia”, cioè oro macinato con gomme naturali e steso a pennello sui manoscritti, come fosse un colore ad acquarello. Il suo nome era dovuto all’uso di conservare la finissima polvere nella valva di un mollusco.

I sistemi di doratura più diffusi nel Medioevo e nel Rinascimento erano i metodi detti “a guazzo “ e a “missione”.

Generalmente l’operazione della doratura era eseguita dallo stesso artista, autore dell’oggetto da dorare; a partire dal Cinquecento sorsero corporazioni di doratori specializzati come quelli parigini per il cuoio.
Durante il periodo Barocco fu in grande auge la doratura dei mobili.

In Francia i primi mobili dorati risalgono allo stile Luigi XIV e tale tipo di decorazione durò fino a tutto il regno di Luigi XVI. In Inghilterra, invece, la moda dei mobili dorati fu più breve, introdotta attorno al 1660 declinò dopo solo un secolo. Anche per i mobili dorati le tecniche più diffuse erano quelle “ a guazzo” e “ a missione” e spesso potevano essere in parte brunite, cioè lucidate, e in parte lasciate opache, per creare contrastanti riflessi.

console dorata a foglia d'oro-artedelrestauro.it

Un metodo più economico di doratura già impiegata nel Medioevo. Si diffuse soprattutto a Venezia a partire dal XVII secolo. Fu quello della doratura “a mecca”. L’origine di tale tecnica risale probabilmente all’antica Cina anche se la denominazione deriva dalla omonima città araba. Questa tecnica fu molto usata per le cornici e consisteva nell’applicare una foglia d’argento laccata in colore oro.

Puoi leggere la prima parte dell’articolo cliccando qui

Ti è piaciuto questo articolo? Scopri i segreti della doratura a missione e a guazzo con il corso dal vivo: Corso di doratura week-end a Milano

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.