Come rifare le guide di un cassetto

Come rifare le guide di un cassetto è un lavoro di falegnameria facile e che puoi fare anche senza attrezzature professionali. Come sai la falegnameria è una parte importante nel processo di restauro di un mobile ma se non vedi come si fa è difficile imparare.

Mostro tutta la falegnameria del restauro nei miei Corsi Online in offerta fino al 4 maggio.

Perchè spesso dobbiamo rifare le guide dei cassetti? Perchè sono un punto di grande usura del mobile. Le guide dei cassetti sono fatte di legno e il continuo sfregamento le consuma.

Premetto che ci sono molti modi per rifare le guide e molto dipende dall’epoca del mobile, da come è stato costruito, da quali legni sono stati usati e da quanto è profonda l’usura. Partiamo da un esempio semplice e dall’analisi del mobile che dobbiamo restaurare.

Si tratta di un cassettone dei primi anni del 900 con la struttura in pioppo e abete e la parte esterna rivestita con un piallaccio di noce. Qui vedi la differenza tra piallaccio e lastrone.

Le sponde dei cassetti sono state costruite con legno di pioppo. Il pioppo è un legno piuttosto tenero e la continua usura ha consumato le guide. Vediamo insieme come rifarle in maniera semplice e senza strumenti professionali.

Cassettone del 900

Ecco il tipico “cassettone della nonna” dei primi anni del 900. La struttura del mobile è in legno dolce (pioppo e abete) e la parte esterna è impiallacciata di noce.

Guida consumata

Le sponde del cassetto sono in pioppo e l’usura le ha consumate soprattutto nella parte centrale. Si tratta di un problema che puoi risolvere facilmente.

morestto

Se la guida è consumata solo al centro puoi, dopo aver fatto il piano alla guida con una raspa, incollare un massellino di noce sopra la guida usurata.

Gida consumata con morsetti

Devi morsettare tutta la lunghezza per consentire alla colla di far aderire bene il massellino. Usiamo un massello di noce perchè più duro e resistente del pioppo.

Come rifare una guida di legno di un cassettone

Ecco come si presenta il massellino di noce incollato. Il massello ha la stessa larghezza del fianco e l’altezza sufficiente per compensare la calatura dovuta all’usura.

Sega circolare

In una falegnameria o in un laboratorio di restauro attrezzato con macchine professionali il passaggio successivo sarebbe togliere l’eccesso con la sega circolare.

Come rifare la guida a un cassettone

Ma possiamo anche rifilare il massellino con semplici elettroutensili alla portata di tutti, come il seghetto alternativo. Traccia la larghezza definitiva del fianco.

Seghetto alternativo

Il fianco di un cassetto è tutto largo uguale dal fronte al retro per cui è facile segnare questa misura e togliere poi l’eccesso con un seghetto alternativo.

Levigatrice

Togli i segni dei denti della lama con una levigatrice a nastro, chiamata generalmente “carroarmato”. Monta sulla levigatrice un nastro di carta abrasiva di grana 60.

Guide interne

Dopo aver compensato le usure delle guide sui cassetti sostituisci le guide di scorrimento interne al mobile. Vedi come sostituire le guide dei cassettoni in questo corso online.

Come rifare la guida di un cassetto

Ecco come si presenta il cassetto con le guide restaurate. Come hai visto non servono macchine utensili particolari. Il masselino di noce lo puoi far tagliare su misura da un falegname, noi abbiamo usato il noce ma puoi usare anche il faggio, il rovere o il ciliegio. Qualsiasi legno duro va bene.

Vedi come restaurare i mobili passo dopo passo in maniera semplice e efficace con i Corsi Online di Arte del restaro. Faccio corsi online dal 2009 e funzionano. Qui vedi la testimonianza del mio allievo Daniele.

Ci vediamo presto nei Corsi Online!

Il maestro Carlo

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.