Come incollare la schiena di un cassettone

Come incollare la schiena di un cassettone risulta uno dei problemi nel restauro.  Le schiene antiche, fino alla fine del 700 sono costruite con legno massello inchiodato direttamente sui montanti posteriori del mobile. Il legno tende per sua natura a muoversi e in genere queste schiene inchiodate si spaccano. Nei primi dell’800 si cambia il modo di costruire i mobili e le schiene sono intelaiate. Significa che la schiena, formata da un massellino dello spessore di alcuni millimetri è “imbustata” dentro una cornice. Questa costruzione dovrebbe consentire alla schiena di seguire tutti i movimenti del legno senza rompersi. Nella foto vedi la schiena imbustata di un cassettone Impero.

A volte però la schiena, pur essendo inbustata, si rompe. Per riparare queste rotture nella schiena i modi sono molti ma di solito o si compensa la rottura con una sverza di legno (la sverza è un lungo cuneo tagliato lungo la ventaura del legno) oppure si rinforza la schiena nel punto delle rottura con della stoffa (di solito cotone) e si stucca la calatura con stucco di legno fatto con colla a caldo e polvere di legno.

Lorenzo Garuti, un restauratore molto bravo di Sasso Marconi in provincia di Bologna ha condiviso con me recentemente un “suo” modo per risolvere queste spaccature che mi sembra molto interessante.

metodo per incollare la schiena di un cassettone del 800-artedelrestauro.it

Come incollare schiena cassettone?

Lorenzo propone di incollare la schiena del cassettone semplicemente riunendo le due parti spaccate. Il problema di solito è che possiamo incollare agevolmente la schiena solo smontandola. Ma Lorenzo crea, avvitandoli dall’interno, dei massellini dove potersi attaccare con i morsetti per tirare le due parti spaccate incollandole. Il tutto senza problemi e con ottimi risultati.

parte interna della schiena di un cassettone che deve essere incollato-artedelrestauro.it

Quello che mi piace di questa storia non è solo la bravura e l’ingegno di Lorenzo ma anche la sua voglia di condivisione con tutti noi, da vero Maestro qual è. Ancora una volta segreti di bottega svelati! Grazie Lorenzo per la condivisione!

Cliccando qui puoi vedere il sito di Lorenzo

Ti è piaciuto questo articolo? Visita la nuova pagina Facebook di Arte del restauro e clicca “Mi piace” per essere aggiornato su tutte le novità, i corsi e gli sconti di Arte del restauro. Clicca “Mi piace” adesso! 🙂

Scopri tutti i segreti del restauro nell’Accademia del restauro

Scopri tutto il processo del restauro al Corso base di restauro dal vivo.

Il maestro Carlo

Salva

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.