Come riconoscere i chiodi antichi

Come riconoscere i chiodi antichi è importante per capire se un mobile è tutto originale, se ha subito un restauro, oppure se è falso…

Recentemente durante una teleconferenza in diretta con gli allievi e le allieve dei Corsi Online abbiamo parlato del riconoscimento dei mobili antichi. Mentre stavamo analizzando una comodina del 700 ho mostrato la slide che vedi qui sotto.

Come riconoscere i chiodi antichi.

Nelle immagini vediamo la schiena della comodina e in particolare i chiodi che la fissano alla struttura del mobile. Ma perchè guardiamo i chiodi di un mobile antico? Per imparare come riconoscere quelli antichi.

I chiodi (come tutta la ferramenta) sono importantissimi per scoprire se un mobile è tutto originale, se ha delle parti sostituite oppure se è falso. I chiodi del 700 infatti sono diversi dai chiodi dell’800 che a loro volta sono diversi da quelli prodotti industrialmente nel 900.

I chiodi di ferro sono sempre stati fatti a mano fino alle prime forme di industralizzazione nell’ Inghilterra dell’800. In Italia i chiodi sono stati fatti a mano almeno fino al secondo dopoguerra.

Come riconoscere i chiodi antichi.

I chiodi di ferro erano fatti dai fabbri. Le barrette di  ferro venivano rese incandescenti sulla forgia e, dopo aver dato forma al corpo del chiodo battendolo sull’incudine, veniva tagliato e fatto passare nella chiodaia che consentiva di ribattere la testa. Alla fine dell’articolo trovi un video su come venivano fatti i chiodi a mano.

Come riconoscere i chiodi antichi.

La testa del chiodo poteva avere molte forme a seconda dell’uso, generalmente nel mobile antico troviamo due tipi di chiodi, uno con la testa tonda o “a bottone” che serviva a fissare schiene e i fondi.

Teta di chido antico "a farfalla".

L’altro è con la testa schiacciata o “a farfalla” oppure “a T”, questa forma consentiva al chiodo di penetrare nel legno nel senso della venatura e di fare tenuta senza romperlo.

Chiodi antichi su un tavolino da gioco di Rolo.

Qui sopra vediamo due chiodi con la testa schiacciata inseriti nel fermo di un tavolino da gioco del 700. Nota come la testa penetra nel legno senza romperlo, in questo articolo puoi vedere il tavolino.

Chiodi fatti a mano e chiodi fatti a macchina.

 A volte nei mobili antichi troviamo dei chiodi in stile, si tratta di imitazioni fatte oggi. Questi chiodi possono essere fatti a mano oppure a macchina.

Testa di chiodo fatto a mano.

I chiodi in stile fatti a mano sono fatti da un fabbro su ordinazione, io stessone ho commissionati alcuni per inchiodare parti di mobili che erano state sostituite e i chiodi originali erano andati perduti.

Testa di chiodo fatto a macchina.

I chiodi in stile fatti a macchina invece sono molto diversi da quelli fatti a mano. Hanno il corpo quadrato e la testa stampata, i corpi e le teste sono tutte uguali.

Alcuni restauratori usano questi chiodi perchè sono molto economici e per renderli più verosimili battono la testa per schiacciarla e farla sembrare così più antica e fatta a mano.

Riconoscere se i chiodi di un mobile sono antichi e originali ci consente di capire se il mobile è originale in ogni sua parte, o se ha subito restauri, oppure se  è falso…non sempre i falsari infatti hanno a disposizioni chiodi originali dell’epoca del mobile che stanno falsificando.

Se ami il restauro e ti piacerebbe imparare a riconoscere i mobili e capire se sono veri o falsi ti consiglio di seguire questo corso online.

I Corsi Online di Mestieri in corso sono una raccolta di video tutorial che ti mostrano il restauro e la decorazione del mobile a tutto tondo. Dalla preparazione dello stucco fino al riconoscimento di un mobile falso. Ti aiutano a imparare il restauro online al tuo ritmo: ti abboni per quanto tempo vuoi, impari ciò che ti serve, lo consulti quando e dove ti pare. Clicca qui per vedere il video di presentazione dei Corsi Online.

A presto con un nuovo articolo!

Il maestro Carlo

In questo video vedi come si facevano i chiodi antichi. L’immagine della fabbricazione del chiodo è tratta da “The scenes of America Past” che ringrazio.

 

 

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter
Author picture

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.