Come pulire l’ottone

Francesco mi chiede come pulire l’ottone lasciandolo in patina e Natascia mi scrive:

<< Mia mamma vuole “pulire” la struttura del suo letto, placcata in ottone, senza renderla opaca. Ho visto il prodotto sul sito, ma…non avresti voglia di spiegare il procedimento con cui questi prodotti consentono una pulitura mantenendo la patina?>>

Ciao Natascia,

la pulizia dei metalli nel restauro deve sempre essere fatta con le idee molto chiare sul risultato che vogliamo ottenere. Il metallo, come il legno, ha una sua patina e in genere la dobbiamo mantenere. Ottoni e metalli antichi non si puliscono mai con mezzi meccanici come carte abrasive o spazzole di metallo ma preferiamo usare pulitori specifici che tolgono lo sporco e la parte superiore dell’ossidazione senza portare il metallo a nuovo. In questi casi basta usare un batuffolo di cotone e uno straccio.

Questo vale anche per le maniglie dei mobili. Dobbiamo sempre chiedere al cliente che tipo di lucidatura preferisce sulle maniglie, se la pulitura deve essere totale possiamo immergerle in un poco di acqua e acido muriatico e passare alla pulitura, il metallo tornerà come nuovo. Se invece vogliamo dare una semplice pulitura mantenendo la maniglia in patina passiamo solo un poco di paglietta 0000. E’ questa è la soluzione che io consiglio.

***

E tu hai già pulito qualche maniglia? Cosa hai usato? Che tipo di difficoltà hai incontrato?  Lascia un commento qui sotto:

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.