Falegnameria: le seghe giapponesi

In questo articolo vediamo insieme la differenza tra le seghe occidentali e le seghe giapponesi.

Da alcuni anni nei nostri laboratori di restauro e falegnameria sono comparse le seghe giapponesi. Ma che differenza c’è tra una sega occidentale e una sega giapponese? E perchè queste ultime hanno avuto un tale successo da sostituire le prime? Vediamolo insieme…

Sega tradizionale e sega giapponese.

In alto vedi una sega tradizionale occidentale mentre sotto vedi un segaccio giapponese. Come vedi ogni sega ha le sue peculiarità, ma riesci a riconoscere qual’è la più grande differenza tra i due attrezzi?

Sega tradizionale e sega giapponese.

I denti della sega occidentale “guardano” davanti mentre i denti della sega giapponese “guardano” dietro…questa cosa che può sembrare molto semplice in realtà comporta un uso completamente diverso dell’attrezzo.

Denti di sega tradizionale occidentale.

La sega occidentale infatti taglia spingendo in avanti, mentre la sega giapponese taglia tirando verso se stessi. Come conseguenza le lame delle seghe giapponesi sono molto più sottili perchè tirando non corrono il rischio di stortarsi.

Denti di sega giapponese.

Inoltre le lame delle seghe giapponesi sono fatte con un acciaio molto resistente, i denti sono più fitti e hanno una tempra speciale. La tempra dei denti li rende molto più duri e taglienti per molto più tempo.

Triangolo per fare il filo ai denti della lama.

Quando una sega occidentale non taglia più dobbiamo rifare “il filo” ad ogni singolo dente, questo lavoro generalmente lo facciamo a mano utilizzando una lima “a triangolo”. Si tratta di un lavoro lungo e che richiede molta pratica.

Utensili professionali.

Quando una sega giapponese non taglia più invece basta sostituire la lama, le lame delle seghe giapponesi costano relativamente poco e si sostituiscono in maniera molto semplice. Qui sopra vedi la lama smontata di una sega dozuki.

I nomi delle seghe giapponesi

Utensili professionali.

Questa sega è una dozuki, si tratta di una sega che ha la lama molto sottile, tanto sottile che ha bisogno di avere un dorso in alto. Il dorso però non consente alla lama di fare tagli molto profondi.

Manuale falegnameria per tutti.

Usiamo la dozuki per tagliare legni di piccolo spessore e per fare gli incastri, la lama sottile e denti fitti consentono di fare tagli molto precisi. La dozuki la possiamo usare per tagliare sia contro vena che lungo vena.

Utensili professionali.

Questa invece è una kataba, ha la lama leggermente più spessa della dozuki, (0,5 mm contro i 0,3 della dozuki) e non ha bisogno del dorso. Non avendo il dorso la possiamo usare per tagli più profondi.

Utensili professionali.

Questa è una kataba con l’impugnatura che si avvicina di più ai manici occidentali, si tratta di un segaccio da carpentiere. E’ una sega molto comoda e può essere usata come primo approccio alle seghe giapponesi.

Il segaccio da carpentiere lo usiamo ai corsi di falegnameria di base che teniamo in bottega a Milano. L’unico difetto è che i denti della lama non sono piccolissimi e usandola per tagli contro vena l’inizio del taglio può essere difficoltoso.

Utensili professionali.

Questa è una ryoba, si tratta di una sega molto versatile perchè la lama ha una doppia dentatura. In alto ha i denti più grossi per tagliare lungo vena mentre in basso più fini per tagliare traverso vena. Nella tabella vedi lo spessore della lama, la stradatura e la distanza tra un dente e un altro.

Taglio con seghe tradizionali giapponesi, maestro Dylan Iwakuni

Quello delle seghe giapponesi è però un mondo molto articolato e interessante che non può esse esaurito in un semplice articolo. Qui sopra vedi il taglio manuale di tavole direttamente dal tronco. Gli allievi e le allieve stanno usando seghe tradizionali “a balena” tipiche della tradizione giapponese.

Sul mio account Instagram puoi vedere un video interessante del maestro giapponese Dylan Iwakuni sull’uso di queste seghe.

Trovi un approfondimento sulle seghe giapponesi nei Corsi Online.  I Corsi Online di Mestieri in corso sono una raccolta di video tutorial che ti mostrano il restauro e la decorazione del mobile a tutto tondo. Dalla preparazione dello stucco fino al riconoscimento di un mobile falso. Ti aiutano a imparare il restauro online al tuo ritmo: ti abboni per quanto tempo vuoi, impari ciò che ti serve, lo consulti quando e dove ti pare. Clicca qui per vedere il video di presentazione dei Corsi Online.

A presto con un nuovo articolo!

Il maestro Carlo

Le immagini delle seghe giapponesi sono tratte dal sito Utensili professionali, l’ultima immagine è tratta dall’account Instagram del maestro Dylan Wakuni che ringrazio.

 

 

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.