Come riconoscere un mobile in stile: la “pel de rava”

Flaviano mi chiede:

<< …avrei gentilmente bisogno di un consiglio relativamente all’armadio di cui allego delle fotografie (dimensioni: altezza 217 + 46 (cimasa) – Larghezza 240 – Spessore 75), in particolare credo che sia un mobile degli anni 40, ma secondo te a che epoca si ispira? >>

Ciao Flaviano,

l’armadio di cui mi alleghi le foto è in effetti un mobile degli anni 40 del 900 e si ispira ad alcuni mobili lombardi del 700. Ma vediamo insieme la video-risposta cliccando il bottone Play.

Come riconoscere un mobile in stile:

Si tratta di un armadio costruito nel 900 non possiamo dire che sia stato fatto in maniera industriale ma erano già costruiti in maniera seriale, fatti spesso nei laboratori artigianali ma fatti comunque in serie. Si tratta di un mobile di qualità e s’ispira a uno stile del passato ben preciso. Il mobile è stato costruito intorno agli anni 40 e  ispirato ai mobili lombardi del 700. Possiamo capire a quale stile s’ispira osservandolo nei particolari, soprattutto sono i fianchi mossi e il fronte bombato. Lo possiamo notare sui laterali, sul frontale e sulla parte bassa questa bombatura e questa superficie intarsiata.

Cosa significa una superficie intarsiata?

Significa che su una superficie di legno massello che è stata tagliata ed elaborata a mano sono stati applicati dei fogli di radica di noce intarsiati con del legno più chiaro in questo caso con legno di acero. Sia come forma che come decoro s’ispira a un stile ben preciso ed è lo stile lombardo dei mobili del 700.  A destra puoi vedere un cassettone conservato presso la collezione di mobili del Castello Sforzesco di Milano ed è un cassettone milanese del 700 decorato con il decoro chiamato “pel de rava”.

Cosa significa “pel de rava”?

Nel dialetto milanese significa pelle di rapa perché presenta questi riccioli piuttosto sfrangiati. Da dove arriva questo nome gli studiosi fanno alcune supposizioni, qualcuno parla della pelle sfrangiata tipica delle rape altri dalla pelle della rapa quando questa viene sbucciata con un coltello. Si tratta di uno stile e decoro tipico di questo ambito e che viene riproposto nei primi anni del 900.

Come vedi c’è sempre un filo rosso che collega tutta la storia del mobile per cui anche mobili costruiti anche nel 900 prendono ispirazione dagli stili del passato

Come hai visto nella video-risposta che ho fatto per Flaviano la storia del mobile e degli stili si ripete e spesso gli stili dell’800 e del 900 prendono ispirazione dai mobili più antichi. Riconoscere i mobili è il primo passo verso un restauro fatto a regola d’arte.

Se vuoi approfondire la storia del mobile, il restauro in patina, imparare a riconoscere i mobili falsi guarda il Master in restauro e antiquariato.

Se ti interessa la storia del mobile guarda “La storia del mobile in DVD”.

Qui trovi tutti i manuali e gli e-book di Arte del restauro.

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.