Quarta e ultima tappa: la lucidatura

Siamo alla quarta tappa del nostro racconto e si avvicina la parte più interessante di tutto il viaggio: la lucidatura del mobile.

Voglio farti vedere oggi una finitura del mobile molto semplice. Se restauriamo un mobile molto antico dobbiamo fare un restauro che mantenga tutte le caratteristiche dei mobili della sua epoca.

Se restauriamo un mobile Impero ad esempio faremo una lucidatura a gommalacca a tampone molto lucida e brillante.

Sul nostro comodino Chippendale, che non ha valore antiquariale, possiamo fare la finitura che più ci piace. Ne facciamo una che io chiamo “a poro aperto” o “a cera”. Si tratta di una finitura molto semplice ma che ci dà grandi soddisfazioni.

E’ la lucidatura che consiglio di fare ai miei allievi quando restaurano il loro primo mobile.

Quarta tappa: la lucidatura

Abbiamo già passato una mano di gommalacca sul mobile e dopo averla lasciata asciugare bene (24 ore) rasiamo il pelo del legno per rendere la superficie morbida.

Il pelo sono le fibre del legno che in parte vengono tagliate quando carteggiamo ma in parte si piegano. La prima mano di gommalacca fissa questo pelo e ci consente di tagliarlo con una carta abrasiva fine o una paglietta.

Spaiettatura del comodino

Possiamo usare la tradizionale paglietta in acciaio finissima (quattro zeri) oppure la paglietta sintetica. Io preferisco la paglietta sintetica detta anche panno abrasivo.

Spaiettatura del comodino con paglietta sintetica

Passiamo la paglietta su tutta la superficie del mobile. La polvere bianca che vedi è il pelo del legno che stiamo rasando e la gommalacca in eccesso che stiamo togliendo.

Cera per mobili

Aspiriamo la polvere e puliamo bene. Passiamo una buona cera per mobili. Nei Corsi Online di Mestieri in corso impari anche la ricetta per preparare la cera.

incerare i mobili

Passa con un pennello la superficie del mobile e distribuisci la cera. Il vero segreto è mettere poca cera di buona qualità.

Spazzolare la cera

Togli la cera in eccesso con uno straccio. Sugli intagli e le modanature passa una spazzola per distribuire la cera e lucidarla.

Maniglia smontata

Dopo aver incerato il mobile ci dedichiamo alla ferramenta. Qui vedi la maniglia prima del restauro. Si tratta di una bella maniglia di gusto Déco in bachelite.

Pulitura maniglia

Puliamo la maniglia con la paglietta d’acciaio quattro zeri. Puliamo anche le cernicere ossidate. Ti consiglio di non lucidare troppo la parti in metallo ma di lasciarle leggermente in patina.

Montaggio maniglia

Mettiamo la maniglia usando i dadi e i copridadi. I copridadi hanno una funzione estetica ma servono anche a non ferirsi con le parti in metallo.

Maniglia bakelite

Ecco come si presenta la maniglia montata sul comodino. Come vedi pur essendo un mobile degli anni 50 porta ancora una ferramenta di gusto più vecchio.

Comodino finito

Ecco il comodino finito. Abbiamo tolto la vecchia vernice, fatta la falegnameria e rilucidato. La lucidatura a gommalacca e cera ha messo in risalto le venature e la radica.

Lucido morbido

In questo particolare vediamo bene cosa intendo per “lucido morbido”. La luce penetra nel legno mostrando le bellezze della radica e delle venature senza essere troppo riflessa dalla superficie del mobile.

In questa quarta tappa abbiamo visto come fare una lucidatura semplice del nostro comodino. Si tratta di una finitura che richiede manutenzione. Significa che una volta all’anno dobbiamo ridare la cera al mobile. Non ne serve molta, giusto un filo. Giusto per prenderci cura di un nostro mobile.

Il nostro viaggio però non finisce qui. Se vuoi vedere il restauro di molti altri mobili, conoscerne la storia e imparare come fare a restaurarli seguimi nei miei Corsi Online.

Tengo corsi onine dal 2008 e ho sempre creduto in questa forma di trasmissione del sapere. Se vuoi continuare il viaggio con me guarda la registrazione della teleconferenza di presentazione e le risposte che ho dato alle domande degli allievi.

A presto.

Il maestro Carlo

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.