Passare l’olio paglierino?

Passare l’olio paglierino? con la domanda che mi ha fatto uno dei miei studenti ti spiego chiaramente quando farlo.

Biagio mi chiede:

<<…dopo aver scartavetrato un mobile a gomma lacca per renderlo più lucido è  buono passare con una pezza l’olio paglierino e poi ovviamente la gomma lacca?>>

Ciao Biagio,

passare o meno l’olio paglierino è una domanda molto ricorrente durante i miei corsi dal vivo. Innanzitutto la gommalacca non si scartavetra mai, la carta vetrata la usiamo solo per carteggiare lo stucco dopo che abbiamo sverniciato un mobile e lo stiamo rilucidando.

Con la carta vetrata infatti è molto difficile dosare la pressione della mano e il mio consiglio, se dobbiamo sverniciare un mobile, è di usare uno sverniciatore in gel per togliere la vecchia vernice e avere un buon fondo pulito senza rovinare troppo la patina originale.

Dopo aver pulito il mobile, fatta la falegnameria e preparato il fondo io sconsiglio l’uso dell’olio paglierino. Si tratta di una vecchia pratica che presenta un grosso problema: l’olio penetra nelle fibre del legno ma riaffiora molto facilmente sbiancando la gommalacca in superficie come puoi vedere nella foto.

Usiamo poche gocce di olio paglierino durante la lucidatura a tampone per far scorrere il tampone come mostro nel mio videocorso in DVD “La lucidatura a gommalacca”

***

E tu usi l’olio paglierino prima della lucidatura? Cosa ne pensi? E’ una pratica utile o dannosa per il mobile? Lascia un commento qui sotto:

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.