Spaiettare prima della cera?

Molti appassionati di restauro e lucidatura a gommalacca dei mobili antichi mi chiedono. Carlo, quando ho finito la lucidatura a gommalacca di un mobile e lo voglio patinare con la cera devo prima passare la paglietta? La mia risposta e sempre no!

Vediamo insieme il perchè:

Nel mio nuovo videocorso “La lucidatura a gommalacca” ti mostro passo dopo passo tutti i passaggi per una corretta lucidatura del mobili antichi e, nel libretto allegato, puoi vedere la struttura del legno e ti spiego cos’è il poro.

Nella lucidatura a gommalacca devi riempire il poro del legno con la gommalacca. Non devi creare eccessivo spessore sulla superficie del mobile. La luce che colpisce il mobile può così penetrare nel poro. Viene poi riflessa mostrando le venature, le marezzature, le radiche e tutte le bellezze del legno. Se fai troppo spessore la luce viene riflessa come sulla superficie di uno specchio. Non puoi vedere tutti i particolari del legno.

Quando inizi la lucidatura di un mobile devi decidere che tipo di lucidatura fare e quanto riempire il poro. Se lucidi “a mezzo poro” fai una lucidatura poco brillante. Se lucidi  “a poro pieno” fai una lucidatura più piena e più brillante. Se hai lucidato riempiendo il poro e senza fare spessore non ti serve spaiettare per togliere il troppo lucido prima di passare la cera per patinare il mobile.

In pratica non ti serve mettere troppa vernice per poi toglierla. Decidi tu quanto deve essere lucido il mobile e durante la lucidatura a tampone riempi il poro quanto basta. Guardami mentre lucido un mobile dell’800 nel videocorso “La lucidatura a gommalacca”

Nell’immagine vedi un cassettone neoclassico con una lucidatura a mezzo poro e patinato a cera, nota come la luce penetra nel poro mettendo in evidenza le venature del legno.

Se ti piace la lucidatura a gommalacca e ti è piaciuto questo articolo clicca “Mi piace” 🙂

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.