Ikea Creativa: finto marmo di Carrara.

Il decoro non riguarda solo i mobili della nonna, puoi decorare anche mobili nuovi oppure usati ma moderni. In questo articolo ti mostro come la bravissima decoratrice Danika Herrick decora a finto marmo un tavolo dell’IKEA. Questo per noi si chiama IKEA creativa! Attenzione! Il finto marmo è un decoro molto interessante e non difficile, prima di provare ti consiglio di guardare il video in basso 🙂

finto marmo5

Ecco ciò che ti occorre:

– un primer bianco

– vernice acrilica bianca (o idropittura)

– un colorante per idropittura nero

– un colorante blu cobalto (poche gocce)

– una vernice poliuretanica trasparente

– spugne di mare sintetiche

– contenitori per mescolare il colore

-pennelli di diverso formato anche a punta fine

– una pennellessa a setole morbide

–  pezzetti di cartoncino o piume

– guanti

finto marmo1

Ecco come fare: prima di tutto accertati che la superficie sia idonea e leggermente ruvida. A questo scopo si usa il Primer o aggrappante che fa da base al lavoro e isola la superficie sottostante. Successivamente prepara la vernice grigia. Io mescolo il Primer bianco ad una vernice acrilica bianca opaca (due a uno), qualche goccia di vernice acrilica nera e a piacere, qualche goccia di blu cobalto per ottenere una tonalità di grigio più fredda. In un contenitore più grande prepara la vernice bianca.

finto marmo2Prepara i pennelli, una spugna umida e le pitture. Puoi concentrarti su una sola zona o su tutta la superficie, l’importante è muoversi velocemente. Prendi ispirazione da immagini di marmo vero: noterai che le venature attraversano una vasta gamma, da molto marcate a venature quasi impercettibili. Inizia spugnando l’area con il bianco, poi prosegui riempiendo con una larga sfumatura di grigio. Non preoccuparti se ti sembra troppo scuro: successivamente verrà ammorbidito e si affievolirà.

finto marmo3Spugna leggermente l’area per ammorbidire l’effetto e usa la pennellessa per affievolire i contorni con movimenti a x o a otto. Continua ad ammorbidire ed aggiungi via via più venature grigie attorno a questa “nuvola”. Lo scopo è creare diversi strati e profondità. Spugna uno strato di bianco sull’intera superficie e ammorbidisci con la pennellessa. Fai un passo indietro e osserva il lavoro a distanza. Se preferisci un colore più scuro rifai tutti i passaggi precedenti. Ora dovrai aggiungere le venature più sottili: puoi usare sia una piuma che un pezzo di cartone strappato intingendolo nel grigio e facendolo ruotare su sé stesso. Non devi fare linee dritte: devono scorrere con una inclinazione di 45° ed evita la tecnica a x.

finto marmo4Cerca ogni tanto di collegare le venature tra loro, ammorbidiscile e sfumale. Puoi usare un pennello più piccolo per le venature più sottili: dopo averlo intinto giralo sulla superficie e trascinalo delicatamente. Anche in questo caso sfuma le piccole venature, se ti sembrano troppo scure ammorbidisci il tutto con il bianco. Puoi aggiungere o modificare a tuo piacimento, creare colpi di luce con il bianco o scurire le venature: è possibile trascorrere ore a giocarci ma ti consiglio ogni tanto di staccare per osservare a distanza l’effetto ottenuto e per rilassare gli occhi. Quando sei soddisfatta del risultato lascia asciugare il tutto e successivamente stendi due o tre mani di poliuretano acrilico.

Guarda il video di Danika! Se hai dubbi o vuoi consigli sulla tecnica del finto marmo o sull’IKEA creativa scrivimi sulla pagina “Contatti”

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.