Doratura a missione e a guazzo

Hai letto gli articoli precedenti sulla storia della doratura ed hai potuto scoprire che si tratta di una tecnica molto affascinante… quasi magica. Il testo più antico che descrive la doratura a foglia d’oro è il “Libro d’arte” scritto nel XIV° secolo dal pittore Cennino Cennini.

La doratura passo dopo passo

Oggi seguiamo ancora i consigli del pittore della fine del ‘300. Devi preparare il supporto ligneo da dorare con più strati di gesso di Bologna mescolato a colla di coniglio. Si tratta di una colla di origine animale che si scioglie a bagnomaria dopo averla lasciata ammollare nell’acqua.

Dopo aver setacciato il gesso di Bologna lo incorpori nella colla di coniglio. Quando ha raggiunto la giusta densità lo stendi con un pennello sulla superficie da dorare. Passa poi delle carte abrasive di grana sempre più fine. Rendi la superficie perfettamente liscia.

doratura a foglia di oro di una console-artedelrestauro.it

Sopra a questa base di gesso stendi il bolo armeno. Si tratta di un’argilla che a seconda del colore usato darà una dominante diversa alla foglia d’oro. Usa il bolo rosso e giallo per la foglia d’oro e il bolo nero per la foglia d’argento. La foglia d’oro può essere fissata in due modi: a missione o a guazzo.

La foglia d’oro può essere di oro vero o imitazione. L’oro imitazione è una lega di metalli che imita il colore dell’oro, ha uno spessore leggermente superiore e tende ad ossidare velocemente. Si usa nella doratura a missione. L’oro vero ha uno spessore più basso e il suo colore è dato dai carati. L’oro vero si usa nella doratura a guazzo.

Doratura a missione e a guazzo

La doratura a missione è la tecnica più semplice.  Non è necessario preparare la superficie con il bolo, basta che questa sia liscia e uniforme. Sulla superficie stendi un collante, la missione, che serve a fissare la foglia d’oro. La foglia stesa a missione non si può lucidare con la punta d’agata.

la doratura a misssione e a guazzo dei corsi di doratura-artedelrestauro.it

La doratura a guazzo è la doratura con cui ottieni i risultati migliori., Sulla superficie preparata con il bolo passa un pennello bagnato e stendi la foglia d’oro con l’apposito pennello da doratore.

La brunitura è la lucidatura dell’oro. La ottieni passando una punta d’agata sulla foglia d’oro fino a rendere la superficie dorata splendente. L’oro imitazione tende ad ossidarsi molto velocemente e devi isolarlo con vernici naturali o sintetiche. La foglia d’oro, sia vero che imitazione, lo patini e lo antichizzi con bitume di Giudea.

Nella prima immagine vedi una Console Barocca, nella seconda immagine la docente dei corsi di doratura mostra i materiali usati durante i corsi dal vivo di Arte del restauro. Scopri i segreti della doratura a missione e a guazzo con i corsi dal vivo

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.