Corso di tecnica shabby. Passo #5: cosa serve veramente

Continua il nostro corso di tecnica shabby. Decorare in stile shabby è semplice e alla portata di tutti, bastano veramente poche cose. Prima di tutto creatività e fantasia,e  se non hai idee o vuoi trovare ispirazione acquista una delle molte riviste che propongono arredamento shabby oppure cerca sul web e ti si aprirà un mondo di arredi e oggetti decorati in stile shabby.

Ma vediamo passo dopo passo cosa ti serve veramente per il decoro:

  •  La pittura bianca o colorata
  •  I pennelli
  •  I colori concentrati per pitture
  •  I contenitori
  •  Un telo protettivo
  •  I guanti
  •  Lo scotch di carta
  •  La paraffina o una candela
  •  La carta abrasiva
  •  La paglietta

La pittura come hai già imparato è una idropittura lavabile, la scegliamo bianca se vogliamo fare il mobile bianco oppure partiamo dal bianco se vogliamo creare noi il colore che più ci piace usando i colori concentrati.

I pennelli sono pochi e di non grande valore, non servono pennelli di pelo particolare usati nelle belle arti ma semplici pennellesse di setola naturale e un paio di pennelli tondi.

I colori concentrati per pitture all’acqua sono coloranti che trovi nei colorifici o nei brico con cui puoi giocare con i colori e creare da te il colore preferito, ricorda che ne bastano poche gocce. I colori che ti servono sono i tre primari: rosso, blu e giallo. Mescolandoli ottieni il verde, l’arancio, il viola e il marrone. Procurati anche un bianco e un nero per correggere il colore finale.

I contenitori non bastano mai e ti consiglio di utilizzare i contenitori di plastica che tutti i giorni ti trovi tra le mani: fondi di bottiglie, vaschette della frutta e verdura, barattoli vuoti dello yogurt  in un divertente riciclo creativo.

Il telo protettivo è importante per non sporcare a terra mentre decori, puoi utilizzare anche vecchi giornali quotidiani ma i teli di plastica usati per proteggere il pavimenti quando si pitturano le pareti vanno benissimo.

I guanti. Se desideri proteggere le tue mani mentre decori indossa dei guanti in lattice usa e getta, non sono obbligatori in quanto l’idropittura non è tenace, soprattutto quando è fresca, usali invece quando adoperi i colori concentrati.

Lo scotch di carta lo usiamo per proteggere alcune parti di mobile che non vogliamo pitturare come gli specchi, le maniglie oppure alcuni decori che ti piacciono e che vuoi proteggere. Usa uno scotch di buona qualità.

La paraffina è una cera. Impareremo ad usare la paraffina per dare al nostro mobile o oggetto un vero sapore shabby, se non trovi un panetto di paraffina puoi usare una candela non colorata, puoi usare anche la cera naturale d’api.

La carta abrasiva la usiamo sia nella preparazione del fondo prima di decorare il mobile sia dopo la aver dato la seconda mano per ottenere l’affetto shabby desiderato. Io ti consiglio una grana 100 oppure una 120.

La paglietta di acciaio è molto utile insieme alla carta abrasiva per conferire al mobile un aspetto “vissuto”. Ti consiglio di usare una paglietta 0000 (quattro zeri) è la paglietta più fine che si trova in commercio, qualcuno la chiama “francese”.

Buona decorazione shabby 🙂

shabby008-donnacreativa.net

Prossimamente vediamo come si colora la pittura bianca 🙂

manuale-shabby-facile-02-artedelrestauro.it-donnacreativa.net (2)

Svelati i segreti della tecnica shabby con il manuale Shabby facile! Clicca qui per scoprire l’offerta.

Se anche tu vuoi scoprire tutti i segreti dello shabby vieni al corso dal vivo di tecnica shabby di Arte del restauro a Milano in offerta speciale primavera.

Se non puoi partecipare ai corsi dal vivo acquista subito il manuale Shabby facile!

Ti sei già iscritta al videocorso gratuito di tecnica shabby?

Puoi rileggere tutti i passi del corso sulla pagina dedicata allo shabby.

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.