Come restaurare un comodino in 4 giorni. Prima tappa: antitarlo e sverniciatura

Restaurare un mobile è come fare un viaggio e un viaggio va progettato per bene. Anche se sappiamo che lungo la strada troveremo degli imprevisti dobbiamo avere qualche punto fermo. Un albergo o ostello dove dormire e riposare, un ristorante o trattoria dove sappiamo si mangia bene, una fontanella dove bere acqua fresca.

Nel restauro è la stessa cosa. All’inizio del nostro progetto non sappiamo ancora quali difficoltà troveremo, ma sappiamo quali passi dobbiamo compiere, quali sono i punti fermi di riferimento e quali saranno le soddisfazioni finali.

Ti propongo oggi un bel viaggio intorno ad un piccolo mobile. Un viaggio che durerà 4 giorni.

Il primo passo per un buon restauro è l’analisi del mobile. Dobbiamo osservare il mobile e capire di che mobile si tratta. Partendo da questa osservazione e in base all’epoca del mobile, al suo stile e ai suoi problemi faremo il progetto di restauro.

Comodino Chippendale

Si tratta di un comodino Chippendale della seconda metà del secolo scorso. Questo stile si chiama così perchè si ispira vagamente ad alcune forme mosse che l’architetto inglese Chippendale disegnò nel 700 in Inghilterra.

Le nostre mamme e nonne non vedevano l’ora di disfarsi dei vecchi mobili, che ricordavano ancora la guerra, e di sostituirli con questi nuovi di gran moda.

I mobili di quest’epoca, siamo tra gli anni 50 e 60, sono già prodotti in serie. il legno massello cede il passo al compensato e spesso le superfici sono impiallacciate con belle radiche di noce.

I problemi del nostro comodino sono gli stessi di tanti mobili di quest’epoca, tarlo, vernici sintetiche sfogliate, piallacci sollevati. Cominceremo il nostro viaggio proprio eliminando il tarlo e la vecchia vernice.

Prima tappa: antitarlo e sverniciatura.

Fori di tarlo

Il comodino presenta segni evidenti della presenza del tarlo. Il bordo chiaro di alcuni fori fa pensare a sfarfallamenti recenti.

Trattamento antitarlo all'esterno del comodino

Quando restauriamo un mobile facciamo sempre un trattamento antitarlo a base di permetrina. La permetrina è un insetticida non tossico per l’uomo.

Trattamento antitarlo all'interno del comodino

Spennelliamo tutta la superficie del mobile com l’antitarlo in modo da impregnare bene tutte le superfici. Dentro e fuori dal mobile.

La camera a gas nel trattamento antitarlo

Chiudiamo il mobile dentro a un telo di polietilene. Questo non ha la funzione di soffocare il tarlo ma di non fare evaporare velocemente i solventi.

La vernice rovinata

Dopo almeno due settimane di antitarlo prendiamo in analisi la vernice del mobile. Come vedi si tratta di una vernice sintetica rovinata dall’umidità e sbiancata.

Lo sverniciatore

Quando la vernice è così rovinata bisogna rimuoverla. Dopo aver protetto le cerniere del mobile togliamo la vernice con uno sverniciatore in gel.

La rimozione dello sverniciatore

Lo sverniciatore ha la funzione di rimuovere tutte le vecchie cere e vernici che si trovano sulla superficie del mobile. Dopo aver steso il gel…

La paglietta grossa

…aspettiamo qualche minuto e lo rimuoviamo con una paglietta d’acciaio grossa. Possiamo aiutarci anche con una vecchia spatola.

La paglietta sporca di sverniciatore

Come vedi lo sverniciatore scioglie la vernice e la paglietta d’acciao la rimuove. Ripetiamo l’operazione finchè la superficie è pulita.

PUlizia finale

Aiutiamoci con un vecchio scalpello o cacciavite e rimuoviamo la vecchia vernice e il gel rimasti nelle modanature o intagli del mobile.

Sraccio con alcool

Puliamo la superficie con uno straccio imbevuto di solvente. Io uso l’alcool ma potresti usare anche diluente nitro.

Siamo giunti alla fine del primo giorno di restauro del comodino. Oggi abbiamo visto come fare il trattamento antitarlo e la sverniciatura del mobile.

Domani riprenderemo il nostro viaggio con la falegnameria. Vedremo insieme quali sono i problemi del piallaccio che riveste il mobile e come risolverli. Faremo tutto passo dopo passo e sarà come essere in bottega al mio fianco. Leggi qui la seconda tappa.

Se vuoi saperne di più iscriviti al corso gratuito “I 7 pilastri del restauro”.

Il maestro Carlo

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.