Il mobile neorinascimentale

Rino, un’amico-studente dell’Accademia del restauro mi chiede come riconoscere un mobile neorinascimentale ed, in particolare, cosa significa mobile umbertino. Avevo già parlato dei mobili dell’800, e degli stili di quel secolo in questo post, e questa è l’occasione per riprendere l’argomento.

Breve storia del mobile neorinascimentale

Dopo il congresso di Vienna il gusto della ricca borghesia si orienta verso una riproposta degli stili del passato, alla ricerca di un gusto proprio. Si passa dallo stile neoclassico, attraverso molte contaminazioni e suggestioni, fino all’orientalismo, al neogotico ed al neorinascimentale. E’ questo uno stile che ripropone, guardando alla grandezza del passato, motivi decorativi e degli ornati propri del ‘500. Mascheroni, cornici, colonne intagliate con erme che compongono strutture architettoniche tipiche dei palazzi rinascimentali, sono gli elementi che caratterizzano lo stile neorinascimentale.

Questi elementi rimarranno nella produzione di arredi fino ai primi del ‘900 contaminandosi con elementi floreali. Dopo la prima guerra mondiale il gusto cambierà definitivamente. Il mobile umbertino nasce invece con l’Unità d’Italia e con l’esigenza di creare uno stile che uniformasse il gusto dell’epoca. Prima di allora infatti si usava arredare ogni stanza con uno stile differente e particolare.

mobile neorinascimentale in paticolare uno sgabello-artedelrestauro.it

Nell’immagine: Sgabello in legno di noce intagliato, Francesco Toso, ultimo quarto del XIX secolo. Vercelli, Museo Borgogna.

Segue tutto il percorso di restauro di mobili antichi con i corsi online Restaurare è facile, L’Accademia del restauro e il Master in Restauro e Antiquariato.

Nel Prontuario del Restauratore è descritto passo dopo passo tutte le ricette e segreti di un corretto restauro del mobile antico.

Vedi tutta la lucidatura a gommalacca passo dopo passo nel mio videocorso   La lucidatura con la gommalacca”.

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.