La soffitta tra ricordi e merletti shabby.

Da piccola abitavo nella stazione ferroviaria di Lodi.  Ero molto orgogliosa di mio padre perché con il suo berretto rosso ed il fischietto faceva partire i treni! 🙂

L’abitazione si trovava sopra gli uffici e le sale d’aspetto ed era formata da ampi spazi dai soffitti alti. Ma l’ambiente da me preferito era il vasto e misterioso solaio che si snodava al termine del corridoio che portava alle camere da letto. Era separato dal resto della casa da una porticina ed era così vasto che io e mio padre avevamo ricavato ognuno il proprio studio: lui riparava a tempo perso i primi televisori, quelli a valvole  ed io mi ero ricavata  uno spazio per dipingere e fantasticare. Il susseguirsi di travi ed abbaini lo rendevano, ai miei occhi, un luogo magico, tanto da preferirlo alla mia cameretta per i miei momenti di “ispirazione”.

Era per me il luogo dove rifugiarsi e permettere alla mia fantasia di galoppare a briglie sciolte, disegnare, ascoltare musica, leggere poesie e curiosare tra i vecchi bauli. Ecco una serie di immagini di incantevoli luoghi dell’anima per gioire insieme assaporandone l’intimità e l’ispirazione che ne deriva.

soffitta 10 - donna creativa.net

 Un rifugio tra pizzi e merletti molto shabby.

soffitta 4 - donna creativa.net

Un angolo dove preparare il progetto per il tuo orto sul balcone.

soffitta 5 - donna creativa.net

 Un tocco industrial nella zona relax.

soffitta 7 - donna creativa.net

 Un ritrovo per leggere qualche buon libro.

soffitta 12 - donna creativa.net

 Vecchie valige e ricordi di viaggi.

soffitta 1- donna creativa.net

Calore, vecchi tappeti e tavole di legno massello.

La soffitta permette di organizzare al meglio gli ambienti della casa:  per questo motivo viene spesso stipata da oggetti e mobili che non servono più. Con questi esempi invece puoi rendere questo luogo un angolo accogliente dove poter magari coltivare il tuo hobby. Giocando con le tinte pastello alle pareti o sulle travi, otterrai un ambiente più luminoso e, con l’aggiunta di qualche sapiente tocco qua e là come una vecchia bergere foderata con una stoffa a roselline, un vecchio paralume di pizzo, qualche baule o manichino, potrai godere dell’incanto del tuo “buen retiro” Shabby.

Ti possono interessare anche : il bagno shabby e il letto shabby

Immagini da Pinterest

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.