Mobili di cartone: arrediamo riciclando

La scorsa primavera io e Carlo abbiamo passato una bella e produttiva giornata a Rho Fiera, una giornata dedicata alla creatività femminile visitando l’Hobby Show. E’ stato bellissimo girare tra i padiglioni ricchi di fonti d’ispirazione, incontrare e conoscere nei vari stand donne sorridenti e prodighe di consigli su come usare quel determinato materiale o come imparare quella determinata tecnica. Artigianato e creatività: questo è un connubio che amiamo molto specialmente se declinato al femminile. Ma tra le moltissime cose che abbiamo visto e di cui ti parlerò in seguito siamo rimasti molto colpiti da una gentilissima e bravissima signora francese e dalle sue creazioni: i mobili di cartone.

Il cartone, a dispetto di come possa apparire, è un materiale molto robusto se lavorato con la tecnica opportuna. E’ riciclabile al 100% e  per la costruzione dei mobili si utilizza riciclato, insomma: un vero e proprio ciclo virtuoso.

Inoltre gli arredi  realizzati con questo materiale hanno una resistenza pari a quella dei materiali classici che vengono utilizzati a questo scopo, richiedono volumi di imballaggio minimi il che riduce anche i costi di trasporto. Sono quindi a basso impatto ambientale e si possono adattare, grazie alla loro facile assembleabilità, a tantissime esigenze abitative e di esposizione.

Trovo che i mobili di cartone realizzati artigianalmente abbiano un aspetto di fascino e di poesia e siano funzionali proprio come quelli di design. Il loro fascino  richiama quello di un altro materiale “povero” ma con il quale furono costruiti anche mobili importanti nel XVIII secolo: il papier màché, comunemente noto come cartapesta. I mobili in cartapesta venivano spesso laccati a imitazione delle costose lacche orientali.

Esistono diverse tecniche di costruzione ( a incastro, a nido d’ape o a strati) dei mobili in cartone e, a seconda del pezzo da costruire, si usano diversi tipi di cartone ondulato: da quelli a singolo strato per ricoprire il mobile esternamente o realizzare parti di copertura dei profili ricurvi, a quelli a doppio o triplo strato per la struttura interna dei mobili.

Arredando gli ambienti con questo materiale  possiamo fare una scelta veramente creativa e a favore dell’ambiente. Inoltre con il fai da te puoi costruirti da sola un mobiletto per quell’angolo della casa che non riesci proprio a rendere funzionale!

Guarda i mobili di cartone prodotti artigianalmente da Julia

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.