La finitura del legno a gommalacca

La finitura a gommalacca è ottima per i mobili all’interno della casa. Non è indicata invece per esterni.

Come sai la finitura del legno è uno dei passaggi più importanti del restauro del mobile e della falegnameria in generale. Abbiamo già parlato di finitura del legno e in particolare della finitura a cera in questo articolo. Oggi parliamo della finitura a gommalacca.

La gommalacca è una resina naturale che usiamo per fare la vernice di gommalacca con cui lucidiamo i mobili. Si tratta di una lucidatura messa a punto dai francesi nel 700 per dare risalto alle superfici dei mobili intarsiati.

I legni che formavano gli intarsi erano palissandro, bois de rose, ebano e molte altre essenze esotiche meravigliose. I maestri ebanisti avevano bisogno di una vernice che penetrasse nel legno e che ne mostrasse tutta la bellezza.

La lucidatura a gommalacca ha proprio questa funzione, far penetrare nel poro del legno la gommalacca. La luce non si ferma così sulla superficie (come avviene con le vernici sintetiche moderne) ma penetra nel legno mostrando le venature, le marezzature, le radiche e le piume.

La finitura a gommalacca

Possiamo fare due tipi di finitura a gommalacca: a pennello o a tampone. La prima è molto facile e alla portata di tutti e ci consente di ottenere superfici dal bel lucido morbido e opaco.

La seconda è un tipo di lucidatura più sofisticato e che richiede più esperienza. Si tratta della lucidatura a tampone, chiamata anche “a stoppino” o “alla francese”.

La lucidatura a pennello

la vernice di gommalacca

Sciogli 200 grammi di gommalacca in scaglie in un litro di alcool a 99,9°e lascia riposare per 24 ore. Qui trovi altre ricette per fare la vernice di gommalacca.

Finire la superficie del legno a pennello significa stendere sul mobile una o più mani di vernice di gommalacca. La vernice di gommalacca è una vernice molto semplice da fare.

Ottieni così una vernice piuttosto concentrata. Diluiamo la vernice del 50% e la stendiamo sul mobile. Non servono pennelli particolari per questo tipo di verniciatura. Basta una pennellessa di setole naturali.

la prima mano di vernice a gommalacca

Dopo averla lasciata asciugare carteggiamo la superficie cona carta abrasiva fine (400) o una paglietta 0000. Queste servono per tagliare le fibre del legno che si sono sollevate e che rendono la superfice ruvida.

Ripetiamo l’operazione una o due volte e finiamo con una buona cera per mobili. Otteniamo così un lucido morbido opaco o satinato a seconda anche del legno che stiamo lucidando.

La lucidatura a tampone

Il tampone per la gommalacca

La lucidatura a tampone in pratica prosegue la lucidatura a pennello e la migliora. Dopo aver dato la prima mano a pennello e aver carteggiato con la 400 cominciamo a lavorare la superficie con un tampone imbevuto di vernice di gommalacca.

Il tampone è uno strumento molto antico e semplice. Ogni maestro si costruisce il suo e sono tutti diversi uno dall’altro. Il mio tampone è formato da una parte interna di lana e un involucro esterno di cotone. Il tampone ci consente di trasferire la vernice sulla superficie del mobile e di farla penetrare nel poro del legno.

la lucidatura a tampone

Il processo di lucidatura a tampone è piuttosto articolato e qui trovi la descrizione di tutti i passaggi. Dopo aver riempito il poro del legno otteniamo una finitura lucida o addirittura brillante.

Il tipo di finitura dipende in parte dal nostro gusto ma soprattutto dall’epoca e dallo stile del mobile.

Mobili antichi eleganti come i cassettoni Impero o Neoclassici richiedono una finitura molto lucida che chiamamiamo anche ” a poro pieno” per indicare che con la gommalacca abbiamo riempito completamente il poro del legno. La luce può così penetrare in profondità ed esaltarne tutte le caratteristiche.

la lucidatura a tampone e gommalacca

Come hai visto fare una finitura a gommalacca non è necessariamente difficile, puoi cominciare con una lucidatura a pennello e poi quando hai più esperienza scegliere di fare lucidature a tampone. Il segreto è cominciare a fare!

Nel prossimo articolo vedremo insieme la finitura delle superfici con le vernici sintetiche. Qui puoi rileggere l’articolo precedente sulla finitura a cera.

Se ti piace la lucidatura a tampone e vuoi imparare velocemente ti consiglio il corso base di restauro. Se invece hai già lucidato alcuni mobili e non sei soddisfatto, vorresti frequentare un corso di lucidatura ma nel fine settimana sei occupato potresti frequentare un corso personalizzato di lucidatura.

Se non puoi frequentare i corsi dal vivo guarda la presentazione del corso di lucidatura a gommalacca online.

Se hai dubbi sulla finitura del legno o sul restauro del mobile scrivimi o lascia un commento qui sotto. Io ti risponderò in diretta nella prossima teleconferenza gratuita che faremo insieme.

A presto con un nuovo articolo!

Il maestro Carlo

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.