Corso di restauro: anilina

Quando uso l’ anilina?: quando la lucidatura a tampone di un mobile antico è ad uno stadio avanzato e il colore non mi soddisfa posso correggerlo aggiungendo alla vernice dei coloranti. Posso utilizzare le aniline solubili in alcool, che però non sono stabili alla luce e tendono ad alterarsi nel tempo. Ho visto personalmente un cassettone tinto con aniline diventato negli anni… viola ed un’altro… verde.

Breve storia sull’ anilina

Quando furono inventate le aniline, intorno alla metà dell’800, il loro successo fu enorme, finalmente non si doveva più dipendere da sostanze coloranti naturali spesso costose. L’uso cui vennero subito destinate fu la tintura dei tessuti e delle lane per la tessitura dei tappeti. L’indroduzione dei coloranti chimici all’anilina rischiò di pregiudicare la fama del tappeto orientale in tutto il mondo.
I tappeti lavorati con filati tinti chimicamente si scolorivano e deterioravano rapidamente. Il governo persiano dopo qualche decennio proibì; l’importazione dei coloranti all’anilina e vennero prese severe misure contro chi continuava ad utilizzarli.
Evito l’uso dell’anilina per colorare un mobile, la uso solo per piccoli ritocchi molto mirati e per piccole correzioni di tono. Come avrò modo di spiegarti prossimamente…

Questo argomenti e tanti altri del restauro di mobili antichi sono tratti dal Prontuario del restauratore.

anilina di diversi colori usate per colorare i tappeti-artedelrestauro.it

Nell’immagine: Jean-Lèon Gèròme, Il mercante di tappeti. The Minneapolis Institute of Arts

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.

Ti è piaciuto questo articolo?
Questi sono altri articoli che potrebbero interessarti!