Come riconoscere una sedia antica

Come riconoscere una sedia antica? Per restaurare bene un mobile dobbiamo sempre conoscerne epoca e stile. Solo così possiamo decidere che tipo di restauro fare. A volte per riconoscere un mobile però dobbiamo osservarlo in maniera “diversa”…

Durante l’ultima teleconferenza sui fondamentali del restauro abbiamo parlato della falegnameria.

Mentre spiegavo la funzione dell’incastro “tenone e mortasa” ho mostrato una sedia. Le sedie sono un buon esempio di applicazione di questo incastro. Qui puoi vedere la registrazione della teleconferenza.

Tenoni e mortase

Ho chiesto inoltre ai partecipanti di dirmi in diretta l’epoca e lo stile della sedia che stavo mostrando e un mio allievo ha risposto “Stile Eclettico”.

Lo stile Eclettico è datato nella seconda metà dell’800 mentre la sedia che stavamo vedendo era settecentesca in stile Luigi XVI.

La risposta del mio allievo però merita un approfondimento.

Sedia Luigi XVI

Lo stile luigi XVI è uno stile Neoclassico e lo troviamo nei mobili a partire dal 1760. Dopo gli eccessi del Rococò e con la scoperta delle antichità classiche di Ercolano e Pompei il gusto cambia e i mobili, come le abitazioni e l’abbigliamento, abbandonano le forme mosse per preferire le linee pulite e lineari.

La sedia che ho mostrato durante la teleconferenza è un buon esempio di stile Luigi XVI. La forma semplice e squadrata, le gambe scannellate che ricordano le colonne antiche, gli intagli floreali sono tutti elementi decorativi tipici dello stile Luigi XVI.

Questo stile è stato però ripreso nella seconda metà dell’800, quando i mobili copiavano e mescolavano vari stili del passato e per questo motivo li chiamiamo “Eclettici”. Ma come si fa a riconoscere una sedia Luigi XVI originale (1760-1790) da una stile Luigi XVI Eclettico (1853-1870) ? Vediamolo insieme.

salottino Luigi XVI

Questa sedia, che fa parte di un salotto composto da sedie, divano, tavolino e console è in stile Luigi XVI ma prodotta nella seconda metà dell’800.

Particolare sedia

Come vedi anche questa sedia ha le gambe tornite e scannellate che ricordano le colonne antiche e ha anche gli intagli floreali.

particolare sedia con molle

Per capire l’epoca di costruzione di un mobile dobbiamo imparare a guardarlo in maniera “diversa”. Spesso le parti “nascoste” ci svelano particolari interessanti.

Particolare lavorazione legno della sedia

Osserva la superficie del legno nella parte sottostante dei traversi che formano la seduta. Nota come la superficie è tagliata in maniera precisa, significa che sono state usate macchine utensili.

Come riconoscere una sedia antica. Particolare della parte interna

Osserva invece la parte interna della sedia del 700. Nota come le superfici dei traversi sono state tagliate a mano e non sono rifinite in maniera troppo precisa.

Interno di una sedia antica
Anche

Questa è la parte interna di un’altra sedia del 700. Come puoi vedere anche questo traverso non è stato rifinito in maniera precisa. Per imparare a riconoscere l’epoca di un mobile dobbiamo imparare ad osservarlo in tutti i suoi aspetti e non solo esternamente.

Come diceva un mio maestro antiquario “Un mobile parla più dietro che davanti e più sotto che sopra”

Ti mostro come riconoscere i mobili antichi in questo mio corso online: “Storia del mobile antico” dove ti spiego anche come riconoscere un mobile falso.

Faccio corsi online dal 2009 e funzionano. Qui vedi la testimonianza della mia allieva Patricia.

Ci vediamo presto nei Corsi Online!

Il maestro Carlo

 

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.