Il canterano: un cassettone del ‘700

Massimiliano, un mio studente-apprendista dell’Accademia del Restauro mi chiede: “qual’è la differenza tra canterano, comò e cassettone?”
Il vocabolario tratta queste parole come sinonimi, ma i restauratori e gli antiquari usano questi termini con significati ben diversi.

Il comò, derivazione dalla parola francese commode, è il termine usato per definire il cassettone di un certo valore estetico che si presta ad arredare tutti gli ambienti della casa come un ingresso o un salotto, mentre cassettone è più legato al mobile a cassetti della camera da letto.

Il canterano

Il canterano invece, è il cassettone più antico, costruito dal 500 fino ai primi anni del 700. Di impostazione massiccia, di solito fatto con ottimi materiali, il canterano rimane uno dei mobili più ambiti da collezionisti ed intenditori. Un’evoluzione del canterano sarà la ribalta. Esistono infatti canterani il cui primo cassetto è a calatoia e cela cassettini e segreti. Il mobile che sto restaurando in questi giorni è proprio un canterano di questo tipo. Costruito tra la fine del 600 ed i primi anni del 700 è un mobile importante. Importante per le sue proporzioni, il frontale intagliato a pannelli di derivazione architettonica, e la qualità dei materiali impiegati. Tutto solido noce e pioppo per gli interni.

Canterano mobile del 700-artedelrestauro.it

Il restauro conservativo

Il mobile è reduce da un restauro, eseguito anni fa, non ottimale. La ferramenta ed i piedi sono stati sostituiti, come spesso accade nei mobili di quest’epoca. Ma l’intervento meno congruo è stato senz’altro la sostituzione delle cerniere originali e l’applicazione di una inutile catenella per sostenere la calatoia. Il mio sarà un intervento particolare, verranno mantenuti infatti i “restauri d’uso” e mi limiterò al recupero funzionale della calatoia, con l’eliminazione di inutili catenelle. Provvederò poi a recuperare la patina originale del mobile togliendo il lucido troppo brillante del precedente restauro. Si tratterà di un restauro molto conservativo.

Nel Prontuario del Restauratore sono descritti passo dopo passo tutte le ricette e segreti per un corretto restauro del mobile antico.

Vedi tutta la lucidatura a gommalacca  nel mio videocorso  “La lucidatura con la gommalacca”. Segui tutto il percorso di restauro di mobili antichi con i corsi online.

Nella foto il canterano con calatoia e cassettini, probabilmente emiliano, che sto restaurando in questi giorni.

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.