Come scegliere la stoffa giusta per un mobile antico

Come si sceglie la stoffa per un mobile antico imbottito? Questa è una della domande che mi sento spesso rivolgere dai miei studenti dell’Accademia del restauro e del Master in Restauro e Antiquariato

Il restauratore di mobili antichi deve avere molte competenze.  Non deve solo conoscere i mobili e saperli restaurare correttamente ma deve conoscere anche il marmo, il ferro, il vetro e tutti gli elementi e i materiali che compongono un arredo, comprese le stoffe.

Quando restauriamo un mobile infatti non sempre la stoffa originale è recuperabile. Spesso è già stata sostituita nei precedenti restauri. Se a questo aggiungiamo che per ben restaurare una seduta spesso la dobbiamo smontare per poterla poi incollare di nuovo, il rinnovo della stoffa a volte è inevitabile.

Ogni epoca ha avuto i suo gusto, il suo stile e la sua stoffa. Amo moltissimo le stoffe ed ho sempre aiutato i miei clienti nella scelta della stoffa più adatta alla seduta inserita nel suo contesto più ampio: l’arredo.

la stoffa giusta per una poltrona antica-artedelrestauro.it

Ecco alcuni dei fattori che dobbiamo tenere presente quando scegliamo una stoffa:

  • l’epoca del mobile;
  • i colori dell’ambiente o tavolozza;
  • il gusto del cliente.

Una seggiolina Biedermeier richiederà il classico rigato arricchito da fiorellini in voga all’epoca. Una poltrona della seconda metà dell’800 richiederà un velluto operato.  Un seggiolone in stile seicentesco un cuoio anticato o una stoffa fiammata.

I colori dell’ambiente in cui il mobile andrà inserito ci aiuteranno a scegliere tra una tavolozza che “funzioni”, senza creare contrasti ma cercando le assonanze.

In ultimo, ma non per questo meno importante, il gusto del nostro cliente. Giocherà un ruolo importante nella scelta. La stoffa in ultima analisi dovrà piacere a lui o a lei. A volte le loro scelte azzardate hanno dato risultati di grande impatto decorativo.  Come quella volta che abbiamo rivestito un divanetto Impero con della pelle bianca. Ecopelle naturalmente 🙂

Nell’immagine una poltrona dipinta ad acquarello e tratta dal catalogo della Maison francese Poirer et Rémon. Nella seconda metà dell’800 si esplorano nuove forme di seduta e di imbottitura con un’attenzione particolare all’ormai irrinunciabile comfort.

Se ti piace questo articolo clicca su “Like” e condividilo con i tuoi amici 🙂

Iscriviti
alla newsletter

Vorresti restaurare il tuo primo mobile ma non sai da che parte iniziare? Oppure hai già restaurato qualcosa, sei soddisfatto, ma hai ancora mille dubbi. Ora sei nel posto giusto!

Iscriviti per ricevere subito il corso gratuito «I 7 pilastri del restauro»

> Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

> Se non ti arriva la mail controlla anche lo spam e le schede Promozioni e Aggiornamenti di Gmail.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su
Facebook
Pinterest
Twitter

Mi chiamo Carlo Ferrari e da oltre 20 anni mi occupo di restauro e antiquariato.

Un giorno ho deciso di fare della mia passione il lavoro del mio futuro. Un hobby, una passione proprio come te.

Oggi posso dire di essere un restauratore affermato, ho molti clienti privati, lavoro per istituzioni e per alcuni grandi antiquari.